15 cose che le donne non dicono

Spesso uomini e donne faticano a capirsi. In parte accade perché sono diversi, in parte perché tendiamo a nascondere noi stessi, a non rivelare quello che davvero pensiamo e vogliamo.
Le donne, in particolare, mi sembra che tendano spesso a nascondere parti di sé, o a mostrare al mondo un'immagine "purificata" della loro natura. Quindi molti uomini - specialmente i più giovani o inesperti - le accostano basandosi su presupposti errati, e perciò disfunzionali: per cui non di rado approcci e relazioni falliscono, e loro non ne capiscono il motivo.
In questo post elenco quindi alcuni principi generali (che riguardano buona parte delle donne, se non quasi tutte), che di rado vengono ammessi apertamente; ma che è utile considerare quando ci relazioniamo con l'altra metà del cielo :-)

N.B.: Ovviamente faccio delle generalizzazioni, quindi quello che dico non è sempre vero e non vale per tutte. Ricordiamoci sempre che non siamo tutti uguali.
Inoltre, non intendo dire che le donne mentano in continuazione: spesso nemmeno loro sono consapevoli dei propri comportamenti, o delle relative motivazioni. Spesso siamo mossi dall'inconscio, o da pulsioni di cui siamo ignari.


Quello che le donne non dicono

  1. Le donne vorrebbero un uomo con tutte le qualità
  2. Le donne sognano il lieto fine, e vogliono sentirsi speciali
  3. Le donne danno molto peso alla bellezza - proprio come gli uomini
  4. Per molte donne lo status economico dell'uomo è importante
  5. Le donne parlano sempre d'amore, ma spesso non è la loro priorità
  6. Molte donne sono attratte da uomini forti e dominanti (Alfa)
  7. Le donne "testano" gli uomini per selezionarli
  8. Alle donne il sesso piace quanto agli uomini
  9. Le donne fanno sesso non solo per amore
  10. Anche le donne tradiscono - forse più degli uomini
  11. La monogamia stanca anche le donne
  12. Le donne cercano di cambiare il partner
  13. Le donne sono più esigenti, gli uomini più accomodanti
  14. Le donne sono in competizione fra loro
  15. Le donne vogliono essere rassicurate, non la sincerità

1. Le donne vorrebbero un uomo con tutte le qualità

Istintivamente, la donna cerca un uomo che abbia tutte le qualità possibili (anche quando sono in contraddizione): forte ma anche sensibile, avventuroso ma rassicurante, passionale ma fedele, ecc. La figura idealizzata del "Principe Azzurro" rappresenta proprio questo partner utopico.
Questo è uno dei motivi per cui le donne sono molto più selettive degli uomini:
Ovviamente un uomo così perfetto non esiste: abbiamo tutti limiti, difetti e mancanze. Alcune donne, col tempo e le esperienze, maturano ed imparano ad apprezzare gli uomini come sono. Altre rimangono aggrappate a quell'ideale, non sanno adattarsi alla realtà, e finiscono col fare una di queste due cose:

2. Le donne sognano il lieto fine, e vogliono sentirsi speciali

Questo non è proprio un segreto.

Ma di solito una donna non rivela ad ogni uomo che le interessa - specialmente agli inizi - quanto lei desidera che lui si riveli "quello giusto" (punto 4), che l'amore duri per sempre, o che magari culmini nel matrimonio (forse per paura che lui si spaventi di fronte a tutte quelle aspettative). Però sembra che sia quello che molte di loro sognano.

Similmente, ogni donna vuole sentire di essere speciale per il suo partner, e che lui si interessi solo a lei; ma non sempre lo ammette, o lo esprime chiaramente. Se però lui non si comporta in tal modo, in genere lei manifesterà frustrazione, risentimento e aggressività.
Ogni donna ha paura di essere considerata "una qualunque", di venire sostituita da un'altra (forse per via della tendenza promiscua dei maschi); ed ogni segnale in questo senso la destabilizza. Viceversa, quando lui la fa sentire speciale, preziosa ed unica, lei si tranquillizza.

E temono di venire abbandonate

Forse anche per via di queste insicurezze, pare che le donne abbiano sempre paura di essere abbandonate (punto 1/10) - ma non vogliano ammetterlo. Forse per non apparire debole, o dipendente, o per non riconoscere al partner di avere potere su di lei.
Questa paura dell'abbandono è così forte che, a volte, una donna lascia il partner per prima, se ha paura che lui stia per staccarsi da lei.

3. Le donne danno molto peso alla bellezza - proprio come gli uomini

Molte donne si dicono interessate più alle doti interiori di un uomo che al suo aspetto, ma il più delle volte le qualità interiori non suscitano attrazione. In realtà tutti siamo istintivamente incantati dalla bellezza, uomini e donne. Peraltro è del tutto naturale: è un impulso innato ed ha motivazioni evoluzionistiche.
Il luogo comune per cui "gli uomini sono creature più visive delle donne" è una cavolata priva di senso: le donne sincere ammettono apertamente di perdere la testa di fronte ad uomini molto attraenti (semmai sono più selettive, perciò sono rari gli uomini che fanno loro quell'effetto). E' vero che certe persone sono più visive (così come altre danno invece più peso all'udito o al tatto), ma è una questione di individui, non di genere.
La differenza tra i sessi, semmai, è che gli uomini trovano desiderabili la maggioranza delle donne - mentre le donne trovano davvero attraenti solo pochi uomini. Entrambi guardano l'aspetto, però gli uomini si entusiasmano spesso e le donne di rado.

Quindi quando una donna consiglia ad un uomo di non preoccuparsi per il proprio aspetto, o che deve solo essere se stesso, o che la "donna giusta" lo apprezzerà per come è, magari è in buona fede ma è meglio non darle retta. D'altra parte, è anche vero che l'attrazione non è generata solo dalla bellezza: quindi chi non ha ricevuto in dono un aspetto seducente, può compensare sviluppando altre qualità attraenti e magari impegnarsi per migliorare se stesso.

4. Per molte donne lo status economico dell'uomo è importante

Questa non è proprio una novità: siamo sempre stati messi in guardia dalle donne che guardano al portafoglio, o dalle "cacciatrici di dote". Però è una cosa che raramente le donne stesse ammettono apertamente. Ma le ricerche parlano chiaro: in generale le donne preferiscono uomini ricchi, o quantomeno benestanti.
Viceversa, un uomo squattrinato tenderà ad essere scartato - a meno che abbia una bellezza fuori dal comune, od altre doti straordinarie.

5. Le donne parlano sempre d'amore, ma spesso non è la loro priorità

A sentire quello che le donne dicono, l'amore è in cima ai loro pensieri. Ma in realtà le scelte sentimentali femminili sono spesso basate sull'attrazione fisica e/o su fattori economici (come illustrato nei due punti precedenti), oppure sulla ricerca di emozioni intense (quindi scelgono uomini che le emozionano, anche se non le amano). In queste tre situazioni, pare evidente che l'amore non venga al primo posto.

Poi le forti emozioni dell'attrazione vengono magari chiamate "amore"; in effetti sembra che molte donne - ma non solo loro - tendano a chiamare "amore" ogni emozione intensa verso qualcuno. Forse è per quello che, quando in una coppia le emozioni si attenuano passato il periodo d'innamoramento iniziale, spesso dicono "E' finito l'amore" - mentre forse quella che si è spenta è la travolgente attrazione iniziale, o l'estasi della passione.

Probabilmente è uno dei motivi per cui sono le donne ad iniziare la separazione nei due terzi dei casi: finita la passione o l'emozione, perdono interesse. Quindi l'affermazione che sia la donna a tenere di più alla coppia, o a volerne la stabilità, non è poi così vera; oppure vale solo fin quando serve.

6. Molte donne sono attratte da uomini forti e dominanti (Alfa)

Anche le donne che sono a favore della parità tra i sessi, spesso sono attratte da uomini virili, decisi e dominanti ("maschi Alfa"). Uomini dal carattere autonomo, determinato ed intraprendente, che spesso assumono il ruolo di leader, dirigente, imprenditore, o comunque "vincente".
Questo perché spesso siamo mossi da parti contraddittorie: anche se la loro parte razionale desidera (e dice di volere) un uomo dolce, gentile ed affettuoso, la parte istintiva è attratta dal tipo di uomo che per milioni di anni ha fornito un "vantaggio evolutivo" (in termini di geni e risorse); che corrisponde appunto al "capobranco", o maschio Alfa in etologia.

Selvaggio a letto

Inoltre, tante donne sognano un uomo che nel sesso sia selvaggio e animalesco, che le prenda con vigore e in modo anche un po' forzato (ovviamente parlo di situazioni consensuali, non di abuso o violenza reale).
Difficilmente lo ammettono apertamente, ma tra amiche (o nelle confessioni sulle riviste) esprimono spesso il desiderio di un "vero uomo" che la prenda e la "sbatta contro il muro" senza remore (di nuovo, questo risponde ad una "parte animale" che tutti abbiamo dentro di noi - e che molti uomini però reprimono).

7. Le donne "testano" gli uomini per selezionarli

In genere, gli uomini parlano in modo diretto: dicono quello che pensano. Le donne invece sono più indirette ed elusive: non solo spesso pensano una cosa ma ne dicono un'altra, ma non di rado fanno dei "test" verbali agli uomini per stabilire il loro valore (pratica chiamata "shit test" nell'ambiente della seduzione).
Poiché di solito una donna si trova a ricevere numerosi approcci, usare questi test (in modo conscio o involontario) è una maniera di selezionare e individuare gli uomini di maggior valore (teniamo presente che, per milioni di anni, per una donna la scelta del partner era una questione di sopravvivenza).

Questi test vengono fatti per valutare la sicurezza di sé dell'uomo, per verificare se vale meno di quanto mostra, o per sminuirlo e vedere la reazione: se l'uomo reagisce con insicurezza (mostra debolezza o si sforza di dimostrare il proprio valore), frustrazione (personalità fragile) o accondiscendenza (sottomissione), ha "fallito" il test e questo produrrà una diminuzione dell'interesse nella donna. Viceversa, se lui risponde in modo disinvolto, rilassato e magari ironico, mostra valore e supera il test.
I test femminili possono anche essere un modo per (ri)affermare la sua posizione di potere (è la donna a scegliere, e l'uomo ad essere scelto), e vedere quanto lui la asseconda. Da notare che i test continuano anche nella vita di coppia - sia per giochi di potere, sia perché lei cerca sempre la rassicurazione di avere scelto "l'uomo giusto".

Alcuni esempi di test femminili (a cui segue una risposta "sbagliata" - insicura o sottomessa - ed una più corretta - disinvolta, ironica o spiazzante):
  • "Sono sicura che dici così a tutte le donne"
    KO: "No, non è vero, non sono quel tipo di uomo"
    OK: "Certo, oggi sei la donna n. 3426 a cui lo dico!".
  • "Mi sa che non riesci a sollevare quella scatola"
    KO: "Certo che ci riesco, mi alleno tutti i giorni!"
    OK: "Non vedo perché dovrei farlo. Non è mica mia".
  • "Dove hai comprato quei vestiti, al mercato?"
    KO: "No, perché dici così? Sono così brutti?"
    OK: "A dire il vero li ho trovati nel cassonetto. Ieri è stato il mio giorno fortunato!".
  • "Scommetto che non ti sono mancata"
    KO: "Non è vero, ti ho pensata tutti i giorni"
    OK: "Perché, sei stata via?!?" (in tono ironico).

8. Alle donne il sesso piace quanto agli uomini

Un'idea molto diffusa sulle donne, è che siano poco interessate al sesso. In realtà le donne godono della sessualità (quando vissuta bene) ancora più degli uomini: il loro piacere può essere più travolgente, possono avere diversi tipi di orgasmi (clitorideo, vaginale, anale), possono avere orgasmi multipli e consecutivi. Infatti durante la fase dell'innamoramento, le donne mostrano in genere un desiderio sessuale pari a quello dell'uomo (semmai è sul lungo periodo, nelle coppie stabili, che il desiderio femminile tende a diminuire).

L'atteggiamento differente verso il sesso è dovuto principalmente alle diverse strategie riproduttive (inconsce), che portano le donne ad essere meno disponibili a fare sesso (anche quando ne avrebbero voglia) per una serie di motivi: per esempio hanno paura di restare incinte, temono i giudizi negativi, o non trovano l'uomo abbastanza attraente.

9. Le donne fanno sesso non solo per amore

Spesso le donne associano il sesso all'amore, o vorrebbero che lo faccia l'uomo. Molte donne si lamentano di quando un uomo cerca il sesso fine a se stesso, oppure le cerca solo per fare sesso: quando accade, di solito accusano l'uomo di superficialità o di non volersi impegnare.
Però a volte anche le donne vivono il sesso a scopo puramente ricreativo, solo per trarne piacere. Altre volte il sesso viene usato dalla donne come "merce di scambio" ("sex as a commodity"): per ottenere regali o favori, per conquistare un uomo, o per farsi sposare - magari simulando una focosità non realmente sentita (in questi casi spesso lei, dopo aver ottenuto quello che voleva, si raffredda o trascura il partner).

Nel libro "Perché le donne fanno sesso" ("Why women have sex"), gli autori elencano ben 237 diverse motivazioni. Insomma, ci sono molti motivi per cui una donna può fare sesso, oltre all'amore; ma di solito non vengono menzionati.

10. Anche le donne tradiscono - forse più degli uomini

Dato il luogo comune che dice "L'uomo è traditore", alcuni possono pensare che le donne non tradiscano, oppure che sia un evento ben più raro. Ma è proprio così?
In realtà dovremmo partire dalla constatazione che tradire è un evento comune, non straordinario (come ormai riconoscono anche gli psicologi). Peraltro i tradimenti sono sempre avvenuti, prima di tutto perché non siamo creature monogame.

Dalle ricerche emerge infatti che anche le donne tradiscono (e sembra che in Italia tradiscano più che altrove). E' difficile arrivare a numeri esatti perché molti mentono: quando si parla di attività sessuale, gli uomini esagerano e le donne sminuiscono. Ecco due fonti interessanti, la prima con dichiarazioni spontanee (quindi si presume più sincere); la seconda perché usa uno stratagemma per diminuire le bugie:
  • Nella pagina "Cheating Spouse Survey Results" (Sondaggio sui partner che tradiscono), attualmente con quasi 100.000 risposte, i traditori risultano divisi in 66% donne e 34% uomini. Non è un campione statisticamente rappresentativo in quanto spontaneo, ma indica che le donne sono più spregiudicate di quanto si pensi.
  • In questa ricerca sul numero di partner sessuali, le donne che credevano di essere controllate dalla "macchina della verità" - quindi meno inclini a mentire - hanno dichiarato una media di 4,4 (superiore anche alla media maschile di 4,0), contro una media per quelle non controllate di 2,6.
    La risposta femminile "sincera" quasi raddoppia quella "ufficiale": possiamo quindi desumere che le risposte femminili "ufficiali" sui tradimenti vanno aumentate di molto, e notare che l'attività sessuale femminile appare prossima o superiore a quella maschile.
Basandomi su queste ed altre ricerche, risulta che entrambi i sessi tradiscono - e probabilmente le donne tradiscono anche più degli uomini. Sono però molto più brave degli uomini a nasconderlo.

11. La monogamia stanca anche le donne

E' bene chiarire che agli esseri umani la monogamia non viene naturale, ma è un costrutto culturale (anche se un'educazione romantica ci convince del contrario, le prove sono schiaccianti - vedi post linkato).
In molti riconoscono che in effetti la monogamia sta stretta ai maschi (che istintivamente desiderano fare sesso con qualsiasi donna graziosa che incontrano), ma credono che sia invece adatta alle femmine. I fatti però dimostrano che non è così: sul lungo periodo, anche le donne si stancano della monogamia - senza contare che di solito porta al crollo del desiderio femminile verso il partner.

Questo però viene raramente ammesso, forse per via del bisogno femminile di stabilità e sicurezza. Ciò porta le donne, in genere, a sostenere ad oltranza l'importanza dei legami stabili, della monogamia e della fedeltà - anche a dispetto della propria esperienza negativa, ed anche quando loro stesse non praticano quanto predicano (per esempio la donna infedele che si scandalizza per un tradimento del compagno).
Peraltro, siamo creature contraddittorie e la coerenza non sembra una virtù molto diffusa.

12. Le donne cercano di cambiare il partner

Anche quando trovano un uomo che amano e adorano, generalmente le donne cercano di "migliorarlo". Forse per il loro bisogno di trovare il "partner perfetto", forse per le loro insicurezze, fatto sta che le donne stesse (a volte) ammettono questa loro tendenza (punto 3/10).
  • Alcune lo esortano a migliorare il suo stile di abbigliamento o il suo aspetto.
  • Alcune premono perché lui sia più ambizioso e/o guadagni di più.
  • Alcune lo incoraggiano ad abbandonare passatempi (per lei) futili, come calcetto o videogiochi.
  • Alcune amano fare le "crocerossine" (punto 5) e scelgono partner "da salvare": problematici, immaturi, con problemi di dipendenza (anche se poi finiscono col lamentarsene).
  • Alcune cercano di "addomesticare" il partner, di renderlo più accondiscendente e servizievole, sempre incline a soddisfare i desideri di lei. Anche quando ci riesce, però, alla lunga non è contenta: perché di solito le donne sono attratte da uomini forti e dominanti, per cui se l'uomo si sottomette lei perde interesse e diventa inquieta.

Anche quando hanno le migliori intenzioni, queste donne non sembrano rendersi conto che amare significa accettare l'altro per come è. Curiosa contraddizione, specialmente quando osserviamo che loro stesse - in genere - vorrebbero essere amate incondizionatamente.

13. Le donne sono più esigenti, gli uomini più accomodanti

Nelle coppie spesso si verificano situazioni in cui lui e lei vogliono cose diverse e, in buona parte dei casi, lei si aspetta (od esige) che sia lui ad adattarsi alle esigenze di lei; quasi come se fosse una cosa dovuta e scontata (non dico che avvenga sempre, ma noto che è frequente, specialmente nelle piccole cose). Alcuni esempi:
  • A letto lei ha freddo e vuole il piumino più pesante.
  • A lei dà fastidio il cibo piccante, quindi va evitato.
  • Di notte lei ha bisogno del buio totale, oppure della porta chiusa, altrimenti non riesce a dormire.
  • Lei opera quasi tutte le scelte di arredamento in casa.
  • Se lei vuole figli e lui no, molte volte i figli verranno concepiti. Perché lei insiste, o pone ultimatum ("Altrimenti ci lasciamo"), o addirittura usa stratagemmi per farsi mettere incinta (accade più spesso di quanto si pensi: pare che sia "estremamente comune fra le donne mentire o fuorviare riguardo la contraccezione, allo scopo di concepire un figlio").
In queste situazioni è raro che sia lei ad adattarsi o ad andare incontro a lui; in generale l'uomo sente che tocca a lui rinunciare alla sua preferenza.

Questa maggiore intransigenza è forse dovuta al fatto che, essendo le donne più emotive, vivono i contrasti in modo viscerale e quindi personale; perciò per loro è più difficile lasciar correre (mentre l'uomo è più pragmatico). Inoltre li vivono come "dimostrazioni": quindi se lui non si adatta a lei, viene visto come una prova che lui non tiene abbastanza a lei, o non la ama, ecc.
L'uomo si adatta anche per evitare le conseguenze: se la donna non si sente considerata o assecondata, facilmente tende a fare scene "drammatiche", oppure si chiude e smette di parlare, di essere affettuosa, di fare sesso (tutte reazioni che gli uomini patiscono molto, quindi fanno il possibile per evitare).
Per certi versi, è un po' come se le donne continuassero a sottoporre i loro partner a "test" per verificare se sono "all'altezza".

14. Le donne sono in competizione fra loro

Anche quando cercano di nasconderlo, la maggior parte delle donne vede le altre donne come possibili "concorrenti". Questo accade perché, come detto all'inizio, le donne sono molto selettive ed ognuna vorrebbe per sè l'uomo migliore e più dotato (rappresentato dall'ideale del "Principe Azzurro": bello, ricco e potente). E' questo il motivo principale per cui così spesso si sentono commenti acidi e aggressivi rivolti ad altre donne, e per cui la solidarietà fra donne è un fenomeno più raro che tra gli uomini.

Per questa ragione un'altra donna, bella e affascinante, viene vista come qualcuno che potrebbe "portare via" la preda ambita, e viene perciò osteggiata (in modo più o meno velato). Lo stesso accade verso donne particolarmente sexy o vestite in modo provocante (che vengono accusate di volgarità), oppure donne disponibili sessualmente (che vengono disprezzate a livello morale): dietro le accuse ipocrite, si cela l'ostilità verso una concorrenza ritenuta temibile.

E sono in competizione anche con le alternative

Per un motivo simile, la maggior parte delle donne assume un atteggiamento critico e aggressivo verso la prostituzione, la masturbazione maschile, l'uso della pornografia, e persino i (futuri) robot sessuali. Poiché il potere maggiore di una donna sull'uomo deriva dal suo "potere sessuale", ogni attività che fornisca agli uomini una soddisfazione sessuale alternativa diminuisce la loro dipendenza dalle donne, e quindi anche il potere sessuale femminile.
Anche qui, dietro le condanne morali e gli appelli a valori elevati, si nasconde la paura di una "concorrenza" e della perdita di potere.

15. Le donne vogliono essere rassicurate, non la sincerità

Quando una donna chiede un parere su di lei, il più delle volte non vuole sentire un'opinione sincera, ma desidera essere "rassicurata" (sul suo valore, sul fatto che va bene, sui sentimenti dell'uomo). Per esempio:
  • Pensi che Tizia sia più bella di me?
  • Come mi sta questo vestito?
  • Mi trovi ingrassata?
  • Mi ami?
A questo tipo di richieste la risposta "giusta" è sempre lusinghiera, rassicurante e senza indugi (una esitazione viene vista come conferma che lei ha qualcosa che non va); a meno che amiate musi lunghi e litigi ;-)
Similmente, quando c'è una situazione di conflitto (per esempio alla guida dell'auto, o in una discussione), di solito lei non vuole da lui un parere obiettivo, vuole che lui le dia ragione a prescindere, che sia dalla sua parte (anche quando lei è in torto). Considerare le ragioni dell'altra parte viene visto come una specie di "tradimento", di non tenere abbastanza a lei.

Al tempo stesso, le donne - come chiunque - detestano sentirsi ingannate; quindi l'uomo dovrebbe saper mentire con una certa abilità. Se questo appare come una contraddizione, non c'è da stupirsi: gli esseri umani sono spesso contraddittori, e le donne lo sono ancor più.
In queste situazioni è come se la donna volesse "l'uovo e la gallina": "Non ingannarmi, ma dimmi quello che voglio sentirmi dire". Forse questa esigenza rispecchia l'ideale romantico dell'essere amata in modo incondizionato, da un uomo che la veda sempre perfetta e adorabile.

Comprendere, non criticare

Gli argomenti che ho esposto non hanno funzione di critica: in fondo siamo tutti umani e limitati, ognuno a suo modo. Servono piuttosto ad aiutare gli uomini a conoscere e capire meglio le donne; nonché alle donne per scoprire quali comportamenti femminili (spesso involontari o inconsapevoli) potrebbero danneggiare le relazioni.
Ribadisco che quelle esposte sono generalizzazioni: quindi non valgono sempre e comunque, né per tutte le donne.

Risposte ad obiezioni

Prevedo che numerose persone troveranno uno o più di questi argomenti errati, sessisti o lamentosi. Oppure obietteranno che ci sarebbe molto da dire anche sugli uomini. Provo a rispondere:
  • Errati: certamente posso sbagliarmi, come chiunque. Tengo a precisare, però, che il post si basa non tanto sulle mie esperienze, quanto su centinaia di aneddoti e testimonianze raccolti, su ammissioni delle donne stesse, nonché su ricerche psicologiche.
    Può anche essere che quanto scritto non corrisponda a te od a chi frequenti, ma questo non esclude che possa valere per tante altre persone che non conosci (mai dimenticare che siamo tutti diversi).
  • Sessisti: in effetti certe affermazioni possono suonare sessiste. Ritengo però che la verità non sia mai sessista: se una cosa è vera, è vera e basta - anche se può risultare scomoda o sgradevole (non è sessista dire che gli uomini sono mediamente più forti delle donne, o che le donne vivano più a lungo: sono semplicemente fatti assodati).
    Quindi invito chi si senta offeso o disturbato da questo post, ad accantonare i suoi giudizi ed a chiedersi se quanto ho scritto sia vero o falso. Che poi è quello che conta veramente. Se qualcuno ritiene di avere una spiegazione migliore delle mie (ai comportamenti citati), la scriva pure nei commenti.
  • Lamentosi: in effetti c'è una parte di insofferenza e malcontento. D'altra parte, da che mondo è mondo le donne si lamentano degli uomini, e viceversa! ;-D
  • Anche sugli uomini: senza dubbio. Ho già detto che siamo tutti limitati. Però mediamente gli uomini sono più aperti nell'ammettere i loro punti deboli (per esempio la nostra passione per il sesso non è certo un mistero), e sia le persone che i media non si fanno problemi ad elencare i difetti maschili: per cui si può dire che questi siano già "sulla bocca di tutti".

La verità è che le relazioni sono sempre complicate: per stare insieme serve tanta pazienza, e venirsi incontro. Per questo è utile conoscere meglio "l'altra metà del cielo", per capirla e trovare insieme delle soluzioni.


"Uno deve scegliere fra amare le donne e conoscerle."
(Ninon de Lenclos)

"Una donna sincera è quella che non dice bugie inutili."
(Anatole France)

"Una donna è un paese straniero del quale un uomo non arriva mai a capire fino i fondo i costumi, la politica e la lingua."
(Coventry Patmore)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

3 commenti :

  1. Nessun commento in particolare, volevo solo esprimere il mio apprezzamento per Psico Felicità. L'ho scoperto solo di recente e lo sto leggendo con estremo interesse, lo trovo pertinente, analitico e illuminante. Lo sto consigliando senza riserve ai miei contatti. L'unico rimpianto è non averlo scoperto prima! Grazie ancora, continuate così

    RispondiElimina
  2. Complimenti per il blog e i contenuti.

    L'ambiguità femminile rispecchia, in parte, il gioco della seduzione: dire e non dire, mai farsi vedere troppo presi, mai esplicitare le proprie intenzioni (tutti dicono il classico 'Vuoi salire?' e non 'Andiamo a fare sesso a casa mia').

    I famosi segnali femminili altro non sono che un modo per rendere tutto più eccitante e non scoprirsi troppo ('È stato lui a baciarmi') per paura del giudizio altrui.

    Quando una donna si confida chiaramente con te è una bella cosa se è tua amica; è una cosa atroce se si prova qualcosa di più.

    - Carlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'apprezzamento :-)

      L'ambiguità femminile può avere sicuramente una funziona seduttiva, ma è anche una modalità innata della psiche femminile. Che, rispetto a quella maschile, è più "analogica", meno lineare, più basata sulle emozioni e meno sui fatti.

      Elimina

Domande, osservazioni e commenti sono benvenuti! Se hai suggerimenti o informazioni da aggiungere, scrivi pure. Cerco di rispondere a tutti.
(se hai dubbi su cosa scrivere o come, vedi le linee guida per i commenti)



Licenza Creative Commons
© 2021 Valter Viglietti. Psicofelicità è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.