Non stiamo insieme per amore (non solo)

Quando si parla di relazioni sentimentali, nella maggior parte dei casi vengono motivate (almeno ufficialmente) con l'amore: desideriamo qualcuno perché "lo amiamo", vogliamo stare insieme o sposarci "per amore". Questo è particolarmente frequente nelle donne.
Se osserviamo attentamente le relazioni, però, scopriamo che possono essere motivate da numerosi fattori, il primo dei quali è la soddisfazione dei propri bisogni. Non c'è nulla di male, in sé: avere bisogni è cosa del tutto naturale. Il guaio è che avere idee confuse sui sentimenti genera spesso incomprensioni e conflitti, specialmente quando le relazioni hanno problemi o non funzionano.
Passione, attaccamento, bisogno, gelosia, dipendenza o possesso sono cosa diversa dall'amore - anche se molti li credono equivalenti. In questi casi non capiamo veramente le nostre azioni o quelle dell'altro, perché le valutiamo basandoci su criteri ingannevoli.

Perché confondiamo i sentimenti

Forse il primo errore che molti commettono è confondere l'amore con il relazionarsi:
  • Si ama in modo gratuito, fine a se stesso; non per un tornaconto*. Lo scopo dell'amore è la felicità della persona amata.
  • Ci si relaziona per ricevere e dare. Lo scopo primo di una relazione è l'appagamento dei partner.
In altre parole: si ama qualcuno per farlo felice; si sta insieme a qualcuno per fare felice se stesso - ed eventualmente anche l'altro. Gli idealisti che negano questo, provino a chiedersi quanto starebbero in relazione con qualcuno che non gli desse assolutamente mai nulla.

* Se amo al solo scopo di essere amato, o per avere qualcosa in cambio, allora non è amore ma "commercio", scambio di prestazioni (cosa che non ha nulla di male, ma non andrebbe chiamata "amore").
L'amore è un dono: ti amo perché sei tu, non per "comprare" il tuo amore.

“L'amore è un dono:
ti amo perché sei tu”

Le molte ragioni alla base delle relazioni (oltre all'amore)

In concreto, cosa ci porta ad iniziare relazioni amorose, ed a restare in esse (a volte a dispetto di problemi e sofferenze)? La risposta più comune è "Per amore", ma in realtà le motivazioni alla base delle relazioni sentimentali sono molteplici. Questa "confusione in amore" può facilmente portare a problemi di relazione (è alla base di aspettative infondate e comunicazione inefficace tra uomini e donne): quando ci basiamo su convinzioni errate, le cose non vanno mai come ci aspettiamo.

Essenzialmente, desideriamo un partner e restiamo attaccati ad esso per alcuni dei seguenti motivi:
  • Bisogni personali (l'altro ci dà quello di cui abbiamo bisogno; oppure crediamo che lo farà):
    • Sentirci amati, bisogno d'affetto
    • Sentirci apprezzati, riconosciuti, validati
    • Sicurezza
    • Sessualità, contatto fisico
    • Bisogni economici, sostentamento, beni materiali
    • Bisogno che qualcuno si prenda cura di noi
    • Creare una famiglia, un "nido"
  • Attrazione fisica e/o sessuale
  • Riempire un vuoto (affettivo o esistenziale)
  • Paura della solitudine / Disagio a stare con se stessi
  • Ricerca di figure genitoriali che ci mancano
  • Completamento (il partner compensa le nostre carenze)
  • Amore: amare l'altro, prendercene cura

Esistono anche motivazioni patologiche, che portano chi ne soffre a restare in relazioni disfunzionali o "tossiche":
  • Co-dipendenza
  • Auto-punizione
  • Mentalità da vittima o da abusato, per cui ci leghiamo a carnefici o persone abusanti

“Le relazioni sono motivate da numerosi fattori,
in primis la soddisfazione dei propri bisogni”

Motivazioni diverse possono coesistere

Anche se qui per chiarezza distinguo tra i vari motivi, sia chiaro che spesso abbiamo più motivazioni insieme che ci spingono verso qualcuno: per esempio, è comune provare bisogno, gelosia, risentimento ed anche amore verso lo stesso partner; i sentimenti contrastanti non si annullano, ma coesistono. Ricordiamo che gli esseri umani sono creature complesse e spesso contraddittorie.
Quindi, quando parlo separatamente di amore e bisogno lo faccio per rendere più chiare le diverse motivazioni, non perché queste si escludano a vicenda.


Esempi in cui prevale il bisogno

Di seguito alcuni esempi di situazioni relazionali in cui sono i bisogni a muoverci (anche quando la motivazione dichiarata è l'amore).

La bellezza ci fa sognare

Quando la bellezza di una persona sconosciuta ci colpisce e ci conquista, spesso proviamo sentimenti che chiamiamo di amore. Ma come possiamo amare qualcuno che nemmeno conosciamo? In realtà, quello che sentiamo è una speranza di felicità, la promessa di un futuro eccitante (la bellezza ha questo potere di farci sognare): ma quella felicità e quella eccitazione riguardano noi; raramente ci interroghiamo su cosa renderebbe felice l'altra persona (vogliamo credere di essere noi la risposta, perché pensare diversamente infrangerebbe il nostro sogno).

Se l'altro ci rifiuta

Quando siamo attratti o affascinati da qualcuno, a volte ci sembra di essere spinti dall'amore (mentre in realtà è un impulso egoistico): se costui non ci vuole, di solito insistiamo e proviamo ogni modo per essere ricambiati. Questo proprio perché il nostro obiettivo primario è la nostra felicità, la nostra soddisfazione, non la sua.
Oppure se costui ci preferisce un'altra persona, è evidente che ritiene di stare meglio con lei. Ma, di nuovo, raramente accettiamo questa preferenza: invece di solito proviamo gelosia verso la concorrenza, risentimento verso chi non ci ricambia, ed altri sentimenti ben poco nobili che con l'amore non c'entrano nulla - ma hanno invece tutto a che fare con i nostri bisogni ed esigenze frustrati.

Se la persona amata non ci dà più nulla

La dimostrazione più chiara di quanto sostengo, è immaginare che la persona amata entri in coma, oppure divenga completamente paralizzata: per un certo periodo l'amore ci terrà vicini a lei, ma prima o poi (settimane, mesi o anni) i nostri bisogni emergeranno e ci spingeranno verso altre persone.
Eppure la persona amata è sempre lei, cosa è cambiato? Che non è più in grado di darci quello che ci dava prima. Il nostro amore non è sparito: continueremo ad amare quella persona, ma l'assenza di "nutrimento" inevitabilmente si farà sentire. Prima o poi incontreremo qualcuno in grado di nutrire i nostri bisogni insoddisfatti, e andremo incontro a questa nuova persona.

Dopo una separazione

  • Quando una coppia si separa, il più delle volte non rimane molto amore per l'ex partner (anche se magari fino a una settimana prima sembrava tutt'altro). Una volta che non è più vicino a nutrire i nostri bisogni, in effetti, forse il motivo di quell'amore viene a mancare.
  • Se poi è stato proprio l'ex partner a lasciarci, di rado rimane amore nei suoi confronti. Molto più facile che ci sia invece rabbia, rancore ed odio. Vuol forse dire che l'amore dura finché non veniamo delusi?
  • Per coloro che rimangono molto attaccati all'ex partner dopo una separazione, c'è da chiedersi quanto questo attaccamento sia amore e quanto sia bisogno e dipendenza. Magari quel che ci manca non è tanto la persona, ma tutto quello che ci dava.
Quando veniamo delusi o feriti dall'altro, spesso l'amore per lui sembra attenuarsi o addirittura scomparire (ponendo il dubbio se sia mai esistito realmente). Tutto quello che sembra rimanere è invece il dolore, la frustrazione o la rabbia dei nostri bisogni negati, ignorati o trascurati.


Motivi reali per cui una relazione finisce

Questo discorso è una delle spiegazioni più probabili per la fine di una relazione. Spesso la rottura della coppia viene spiegata con un semplicistico "Non lo amo più", "Non ci amiamo più", ma è più probabile che la fine sia stata provocata da bisogni non più soddisfatti, da felicità o soddisfazione che è venuta a mancare, forse dall'innamoramento che si è spento (come prima o poi accade a tutti), o da aspettative irreali (magari mai espresse apertamente) poi inevitabilmente deluse.

In altre parole, entriamo nelle relazioni con un senso di eccitazione, felicità e soddisfazione (e l'aspettativa che questo continui): e molti chiamano questo mix di emozioni "amore". Ma se l'eccitazione si spegne, la felicità si disperde e la soddisfazione cala (come spesso succede, e per certi versi è anche naturale), anche quello che chiamavamo "amore" decade.

Perché ci inganniamo sui sentimenti

Ma perché quello che sentiamo ci risulta così confuso? In parte è perché pochi hanno una sufficiente educazione emotiva, quindi non sono in grado di comprendere il proprio mondo interiore, né di distinguere quello che provano: sono come "analfabeti emotivi".

Inoltre, quando consideriamo i nostri sentimenti spesso tendiamo ad ingannare noi stessi, attribuendoci motivazioni diverse da quelle reali (elencate sopra), perché:
  • Ci piace vederci migliori di quel che siamo, mossi da sentimenti "nobili" ed elevati (invece che egoistici).
  • Non ci piace ammettere di avere bisogno, ci fa sentire deboli e vulnerabili.
  • Non abbiamo chiare le emozioni dentro di noi, le confondiamo (in questo spinti anche dai media, che ci porgono messaggi confusi e ingannevoli sulle relazioni, per esempio attraverso canzoni e film romantici).
In pratica, "l'amore" risulta la spiegazione più semplice, comoda e gratificante. Invece, ammettere che vogliamo l'altro per ragioni egoistiche e utilitarie ci risulta sgradevole e imbarazzante; al punto da nasconderlo prima di tutto a noi stessi.

“L'amore risulta la spiegazione
più semplice, comoda e gratificante”

L'amore esiste

Con questo post non voglio dire che nelle relazioni non ci sia amore, o che l'amore non esista. Tutt'altro: sono convinto che l'amore esista eccome, ed anzi che sia più diffuso di quanto crediamo. Quello che voglio mostrare è che dietro la parola "amore" spesso può celarsi molto altro - a volte anche il suo opposto.
Il mio scopo non è il cinismo, ma la chiarezza: con se stessi in primis, poi verso gli altri. Confondere l'amore con i bisogni, la passione, il possesso e la dipendenza non fa bene all'amore: al contrario, lo fa apparire sospetto e inquinato. Chi si lamenta che "L'amore non esiste!", infatti, spesso lo fa perché scottato da esperienze negative che erano state spacciate per amore, ma che molto probabilmente erano ben altra cosa.

Ma a cosa mi serve...?

Qual è l'utilità di tutto questo discorso?
Semplice: quando una relazione ha problemi o finisce, è importante avere le idee chiare, per risolvere i problemi o chiudere i conti col passato. Invece, la confusione su sentimenti, motivazioni e aspettative amplifica i problemi e rende impossibile superarli.
Credere che "L'amore è tutto" o "E' tutto dovuto all'amore" suona molto romantico, ma è come credere che basti legarsi delle ali alle braccia per volare: la caduta sarà inevitabile - e dolorosa. Le relazioni sono complesse (altrimenti non staremmo tutti a lambiccarci su di esse), e fare finta che siano semplici non ci aiuterà. Invece, quel che ci aiuta è osservarle con onestà, chiarezza e comprensione, per capire noi stessi e chi abbiamo accanto.

Infine, sapere che non è l'amore (o non solo) a legarmi a qualcuno, ma sono bisogni ed esigenze, può aiutarmi a:
  • Scegliere meglio un partner (avendo chiaro cosa cerco)
  • Vivere in modo più sano le relazioni (non devo sopportare comportarmenti negativi "in nome dell'amore")
  • Dopo una separazione, lasciar andare più serenamente l'ex (perché non lo idealizzo più come "l'amore della mia vita"), e avere più fiducia di incontrare futuri partner (poiché i bisogni possono essere nutriti da altri).

"La migliore relazione è quella in cui l'amore per l'altro supera il bisogno dell'altro."
(Dalai Lama)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

Perché facciamo scelte sbagliate: siamo tutti condizionati

Quante volte ci ritroviamo infelici senza capirne il motivo? Quante volte ci rendiamo conto di avere compiuto scelte sbagliate, nonostante le nostre migliori intenzioni? Quante volte ci stupiamo delle nostre azioni, che sembrano andare in direzioni opposte a quello che vogliamo?
Sembra quasi che, dentro di noi, sia in azione uno "spiritello maligno" che opera a nostro sfavore. E, per certi versi, potrebbe essere proprio così.

Quando non siamo padroni delle nostre scelte

Il problema è che, più spesso di quanto crediamo, non siamo padroni delle nostre opinioni né delle nostre scelte. Ogni scelta ed azione è influenzata da idee, valori e convinzioni, ma buona parte di questi possono essere sia inconsci che opposti a quello che siamo e vogliamo. Per esempio:
  • Voglio approcciare una persona che mi piace, che mi ha dato segnali positivi: ma una voce interiore mi scoraggia, dicendomi "Figurati se le interessi, non provarci nemmeno".
  • Ad un esame o colloquio di lavoro, per cui sono qualificato, una tensione nervosa mi porta ad arrivare in ritardo, o a presentarmi male, o ad esprimermi in modo goffo, per cui rendo molto meno di quanto potrei.
  • Compio scelte importanti nella vita (carriera, relazioni, luogo dove vivere...) che a prima vista mi sembrano ottimali, ma che sulla distanza mi procurano più frustrazione e infelicità che altro. Mi ritrovo a dirmi "Cosa ci faccio qui?" o mi sembra di vivere una vita senza senso.
Alla base di queste difficoltà o fallimenti, molto spesso ci sono pulsioni o convinzioni interne che influenzano le nostre azioni e ci sabotano. Ma il più delle volte non sappiamo nemmeno di averle, quindi ci è impossibile opporci od arginarle.
Per esempio, potrei credere in certi pregiudizi (sul sesso opposto; su certe professioni, etnie o partiti), che non corrispondono alla realtà; ma che mi sembrano così scontati da non poterli mettere in discussione. Oppure potrei avere convinzioni negative su me stesso ("Non valgo abbastanza. Sono sbagliato. Non merito amore."), che mi portano a non mettermi in gioco, a chiudermi, alla paralisi; ma che essendo inconsci non posso contrastare.

“Spesso non siamo padroni delle nostre opinioni
né delle nostre scelte”

Non sappiamo cosa è vero

Il problema è che noi crediamo istintivamente che le nostre convinzioni corrispondano al vero, e siano una nostra scelta autonoma. Purtroppo, invece, ci capita sovente di credere a cosa che non sono vere affatto, o lo sono solo parzialmente. E soprattutto molte delle "nostre" convinzioni le abbiamo passivamente ricevute da altri: sono in realtà condizionamenti, a volte quasi un "lavaggio del cervello".

Che cosa mi influenza?

Se ci rendessimo conto di quanti influssi ci condizionano in ogni istante della vita, potremmo almeno cercare di arginarli o controllarli. Purtroppo invece ci piace pensare di essere liberi, autonomi, indipendenti, padroni della nostra mente - anche quando non è affatto vero.
Potremmo invece partire dal chiederci: "Cosa mi influenza?". Di seguito una breve lista di fattori che toccano chiunque.

Biochimica

Nel nostro corpo circolano una quantità di sostanze (principalmente neurotrasmettitori ed ormoni) che influenzano sia l'umore che il comportamento.
---> Un esempio classico è quando ci innamoriamo, o quando siamo preda di forti passioni: per molti versi non è la nostra coscienza che sceglie o decide, è la biochimica che ci spinge.

Pulsioni evoluzionistiche

Nel nostro cervello sono "programmate" una serie di reazioni che puntano alla sopravvivenza e alla riproduzione ottimale. In molti casi non siamo noi a scegliere, ma sono queste reazioni che lo fanno al di là della volontà.
---> Esempi in cui questo accade sono i vari motivi per cui proviamo attrazione, o le reazioni di lotta o fuga (in inglese "fight or flight") di fronte a situazioni minacciose.

Estetica

Anche la reazione alla bellezza ha una valenza evoluzionistica, ma la cito a parte per la sua particolare rilevanza emotiva. Quando noi reagiamo all'aspetto estetico (sia di cose che di persone, sia in modo positivo che negativo), crediamo di scegliere cosa ci piace, ma fondamentalmente quelle scelte sono decise da criteri innati su cui non abbiamo potere.
---> Infatti, non di rado quelle scelte risultano ingannevoli e non ci portano i risultati positivi che ci aspettavamo (la persona attraente che si rivela egocentrica o insopportabile, l'auto fascinosa che si scopre troppo costosa o poco pratica...).

Un altro aspetto per cui l'estetica ci condiziona, è quando ci lasciamo convincere dai modelli di bellezza promossi dalla società o dai media: finiamo così col criticare o rifiutare il nostro aspetto naturale, ed inseguire invece un ideale di bellezza artificioso o impossibile.

Condizionamenti dall'infanzia

Fin dalla nascita, riceviamo una serie di giudizi e idee su cui abbiamo poca o nessuna influenza. Assorbiamo tutte queste informazioni praticamente senza spirito critico, ed esse diventano le "fondamenta" della nostra personalità e delle nostre convinzioni.
---> Col risultato, a volte, di portarci a vivere in un modo che ha ben poco a che fare con la nostra reale natura: e, di conseguenza, a vivere una vita che percepiamo come vuota e insignificante, o che ci rende costantemente infelici.
I primi vent'anni della nostra vita sono così fondamentali che vi dedico un approfondimento più sotto.

Falsità e pregiudizi

Anche dopo che abbiamo raggiunto un'autonomia di pensiero, siamo costantemente esposti ad informazioni errate o ingannevoli a cui spesso crediamo ugualmente: perché abbiamo bisogno di credere a qualcosa, perché non abbiamo modo di verificarle, o perché corrispondono a nostri pregiudizi (tendiamo a credere a quello che conferma ciò in cui già crediamo).
---> Il risultato è che operiamo nella nostra vita basandoci su idee falsate, compiendo scelte erronee - o persino disastrose - a livello personale, sentimentale, sociale, finanziario e politico.

Chi mi influenza?

Quelli elencati sopra sono fattori di influsso (il "cosa" mi influenza), ma un altro modo di considerare i condizionamenti sono le fonti da cui arrivano (il "chi"): la prima e più ovvia è la famiglia, a cui seguono la scuola, le amicizie, i partner, i colleghi, la religione (anche per i non credenti, se è diffusa nel proprio ambiente), e più in generale la società e la cultura in cui viviamo (inclusi i vari media).
Più persone esprimono un'idea o un giudizio, o più autorevoli riteniamo le fonti da cui questi provengono, e più tenderemo a crederci.

Vent'anni di condizionamenti... e oltre

Siamo esposti a influssi e condizionamenti per tutta la vita, ma nessun periodo è così fondamentale per il nostro sviluppo (come persone e come idee) quanto quello dell'infanzia - e, per molti versi, anche dell'adolescenza. Questo principalmente perché, durante quel periodo:
  • Si formano la nostra mente, la nostra personalità e la nostra visione del mondo
  • Siamo altamente influenzabili e privi di capacità critiche
  • Dipendiamo in tutto e per tutto dalle persone intorno a noi (almeno fino ad una certa età)

Dalla nascita all'adolescenza

Dalla nascita fino all'adolescenza, sviluppare un'opinione autonoma è praticamente impossibile: non solo non sappiamo nulla o quasi della vita, ma siamo circondati da persone più sagge e più forti di noi, di cui ci viene istintivo fidarci: genitori, parenti, insegnanti. Anche se ci sorgono timide obiezioni a quel che ci viene detto, esse sono facilmente sgretolate dall'autorità e dal potere degli adulti.
Senza contare che noi dipendiamo da loro in tutto e per tutto: la nostra stessa sopravvivenza è nelle loro mani, per cui impariamo presto che non ci conviene opporci o contrariarli.

In questo contesto, se ci viene detto tutti i giorni che una cosa è vera, che è giusta, che è quello che vogliamo o dobbiamo fare, sarà quasi impossibile non crederci: se tutte queste persone così grandi e capaci ripetono quella cosa, come posso io, piccolo debole e ignorante, saperne più di loro? Il loro pensiero diventa il nostro pensiero.

L'origine dell'identità

Lo stesso vale per la nostra identità: ovvero il senso di chi siamo, di quanto valiamo, l'autostima, l'opinione che abbiamo di noi stessi e delle nostre capacità. L'identità si forma dai "messaggi" che riceviamo e dalle nostre esperienze: se questi sono positivi sviluppiamo un'immagine positiva di noi stessi, e viceversa. Per esempio:
  • Se il bambino viene spesso criticato, svilupperà una tendenza insicura, ansiosa, inibita. Anche da adulto, esiterà ad esprimere il suo vero sé per paura di ricevere giudizi e conseguenze negative.
  • Se i genitori sono rigidi e giudicanti, il bambino potrebbe sviluppare una personalità da "bravo ragazzo", che però non è autentica ma solo una maschera con cui cerca approvazione (senza però trovarla).
  • Se una parte della sua personalità viene criticata fortemente, egli la "rimuoverà" dalla sua coscienza, relegandola nella "parte ombra". Un classico caso di "ombra" è la figura di Hyde nel romanzo "Dr. Jekyll e Mr. Hyde".
  • Se un bambino (o ancor più una bambina) riceve frequenti messaggi negativi sulla corporeità o sulla sessualità, potrebbe sviluppare conflitti verso il proprio corpo (fino ad arrivare a disturbi come anoressia o bulimia), e/o disturbi sessuali (come incapacità di lasciarsi andare e godersi il sesso, anorgasmia, frigidità o problemi collegati).
Questo genere di influssi porta le persone a credere di essere in un certo modo (timide, riservate, remissive, caste, ecc.) anche se quella non è affatto la loro natura, ma solo il risultato di condizionamenti. In pratica, dimentichiamo chi siamo davvero, e crediamo di essere come ci hanno detto che dovremmo essere.

“Dimentichiamo chi siamo davvero”

Durante l'adolescenza

Entrando nell'adolescenza, cominciamo a sviluppare autonomia, capacità critiche e una visione individuale: ci viene naturale dubitare degli adulti ed opporci alle loro opinioni (siamo però ancora dipendenti da essi, per cui in una posizione di debolezza psicologica oltre che fisica).
In questa fase ci confrontiamo con i nostri pari, con gli amici: ma anch'essi sono stati condizionati nell'infanzia, e magari anche loro ci ripeteranno che una certa cosa è giusta o sbagliata. E siccome dipendiamo affettivamente da loro, e abbiamo un fortissimo bisogno della loro approvazione, se tutti gli amici o le amiche sostengono una certa posizione, anche qui ci sarà molto difficile opporci e sostenere un'opinione autonoma. Tenderemo a "seguire il gregge" (vedi "Groupthink" in inglese).

Diventati adulti

Una volta adulti, cominciamo ad affrontare la vita in modo autonomo. Ma lo facciamo carichi di un bagaglio di idee e convinzioni che non sono veramente "nostre", che comunque ci guidano e condizionano le nostre scelte:
  • Scuola
  • Partner
  • Lavoro
  • Persone da frequentare o evitare
  • Persone da temere o da odiare
  • Orientamento politico
Ogni scelta che compiano in tutti questi settori potrebbe essere "sbagliata per noi" (magari non errata in sé, ma inadatta a noi, ai nostri potenziali e aspirazioni, alla nostra felicità), ma rischiamo di sceglierla ugualmente perché ci hanno convinto che è invece quella "giusta".

Solo pochi si ribellano

Solo pochi individui, dotati di spiccata tendenza all'indipendenza e alla ribellione, sviluppano una capacità di pensiero e di opinione autonome già in giovane età. Anch'essi, comunque, rischiano di assorbire alcuni condizionamenti, perché la natura sociale dell'essere umano fa sì che non possiamo mai essere del tutto indipendenti dall'ambiente in cui viviamo.

Anche da adulti l'influsso continua

Anche nella vita adulta i condizionamenti continuano a influenzarci: da una parte quelli che abbiamo assorbito mentre crescevamo e ora sono incorporati dentro di noi; dall'altra quelli che provengono dalle persone intorno a noi, specialmente quelle che ci stanno a cuore o che ammiriamo.
Questo vale in particolare per i genitori: in generale, ci sentiamo spinti a non deluderli, a farli contenti, e lo facciamo anche a costo di ignorare quello che davvero sentiamo o vorremmo fare. Spesso però non vogliamo riconoscere questo conflitto di interessi: perché vorrebbe dire scontrarsi con loro, o perché non assecondarli ci sembra un atto di slealtà o tradimento nei loro confronti.

Convinzioni portate all'estremo

All'estremo, questi condizionamenti possono portare anche a gesti folli o assurdi; che però diventano più comprensibili se li vediamo come il risultato di convinzioni devianti credute ciecamente:
  • Una persona che uccide il coniuge perché è stato tradito, o è stato "offeso nell'onore".
  • Un estremista religioso disposto ad azioni criminali in nome della sua fede.
  • Un kamikaze giapponese durante la seconda guerra mondiale.
Credenze come il razzismo, il sessismo o l'anti-semitismo (e molti "ismi"), non hanno alcuna base razionale o concreta: sono solo idee false che vengono tramandate. Eppure hanno a volte diffusione di massa, e possono portare a tragedie come lo schiavismo o l'Olocausto.

Il risultato è una vita infelice

Molto spesso, il risultato di tutti questi condizionamenti è quello di indurci a vivere vite inadatte a noi, e che quindi producono continuo stress, insoddisfazione e infelicità:
  • Un percorso di studi verso cui non ho reale interesse, affinità o talento...
    Ma che è stato scelto su pressione dei genitori, o in base alle loro ambizioni.
  • Una carriera, o un ambiente di lavoro, con cui non sono in sintonia, che non utilizza le mie capacità o che va contro i miei valori...
    Ma che è stato scelto perché nella mia famiglia o gruppo sociale quello che conta è un certo prestigio, una certa qualifica, un certo reddito.
  • Una certa attività o professione scelta oppure, al contrario, scartata...
    Perché mi è stato insegnato cosa un "vero uomo" - o una "vera donna" - dovrebbe o non dovrebbe fare.
  • Una relazione sentimentale con una persona inadatta a me (per personalità, obiettivi, aspetto fisico, preferenze sessuali o persino genere), con cui c'è scarsa intesa o continui conflitti...
    Perché ho seguito i canoni familiari, o le regole tradizionali, invece di ascoltare quello che davvero mi piace e che mi fa stare bene.
  • Avere dei figli che ostacolano i mie obiettivi, o che influenzano negativamente il mio matrimonio, che ho avuto senza volerli veramente, o prima che fossi pronto...
    Perché mia madre o i miei conoscenti ritengono inaccettabile non averne.

Spesso non è questione di scelte errate in sé, ma di situazioni errate per noi stessi, in disarmonia con la nostra vera natura: come un vestito elegante ma tagliato per un fisico assai diverso dal mio, esso non è sbagliato in sé, ma io non mi sentirò mai comodo o a mio agio indossandolo. Allo stesso modo, una vita lontana dalla mia natura autentica verrà sempre vissuta come disagevole, deludente o soffocante.

“I condizionamenti ci inducono a vivere
vite piene di stress, insoddisfazione e infelicità”

Come liberarsi dai condizionamenti

Una volta compresa l'estensione e la profondità dei condizionamenti che abitano in noi, diventa naturale chiedersi come uscirne:
  • Come liberarci dalle idee errate, o che ci spingono a fare scelte disfunzionali?
  • Come capire quello che è davvero "giusto" ed efficace per noi stessi?
  • Come scoprire le scelte in sintonia col nostro essere, che ci portano verso il benessere e la gioia?
Non è un percorso semplice, perché si tratta di un lavoro di "scavo" alla ricerca della nostra verità, di "ripulitura" dalle bugie che ci hanno raccontato, e di riscoperta della nostra natura autentica. Ma può fare la differenza tra una vita grigia e triste, ed una luminosa e appagante. Di seguito alcuni suggerimenti.

Conosci i tuoi condizionamenti

Prendi consapevolezza dei tuoi condizionamenti e convinzioni. Finché rimangono inconsci, nell'ombra, ti manovrano come fili invisibili. Quando invece inizi a scoprirli, a vedere come agiscono e come ti influenzano, il loro potere su di te diminuisce.

Osserva le parole che usi

Fai caso alle parole che usi: spesso non vengono per caso, e possono indicare influssi di cui non sei consapevole.
  • Verbi come "Devo" o "Dovrei" indicano resistenza, magari verso attività che non fanno per te o di cui non ti importa davvero.
  • Affermazioni come "Non posso" o "Non ce la farò" indicano limiti che credi di avere: chiediti se è davvero così, e come fai a saperlo con certezza.
  • Espressioni come "Vorrei", "Mi piacerebbe", "Che bello se" indicano attività verso cui senti inclinazione, che potrebbero arricchire la tua vita, ma che magari trascuri perché altri le ritengono inutili.

Ascoltati e riconosci le "voci"

Ascoltati, senti la differenza tra una "voce" che arriva dal tuo essere profondo, ed una che invece proviene dall'esterno. Fai attenzione alle sensazioni che ognuna di queste voci ti suscita (ti fa sentire bene, positivo; oppure appesantito, angosciato...).

Osserva i fatti

Osserva i fatti: se una scelta o una situazione ti crea forte disagio, ti fa stare male o ti rende infelice, è molto probabile che non sia adatta a te; anche se presenta evidenti vantaggi o tutti la trovano invidiabile.

Osserva le tue scelte

Per scoprire le convinzioni inconsce su te stesso, osserva le tue scelte: se rimani in una relazione frustrante o un lavoro che non ti piace, è possibile che tu non creda di meritare di meglio; se sei spesso attratto da persone che ti rifiutano o ti svalutano, forse non credi di essere degno d'amore, ecc.
In altre parole, al di là di quello che pensi razionalmente, le tue azioni reali indicano quello in cui credi nel tuo profondo.

La "cosa giusta" non esiste

Infine, ricordati che non esiste la "cosa giusta da fare" in assoluto, perché:

Le "cose giuste" cambiano nel corso del tempo, delle culture e dei luoghi. Quindi, solo tu puoi decidere qual è la "cosa giusta" per la tua vita. Gli altri possono a volte darti utili opinioni, ma alla fine la decisione è solo tua.

"Per ogni idea della cui giustezza sei assolutamente convinto, ci sono milioni di persone che la ritengono sbagliata."
(Wayne W. Dyer)

"Il vero signore è simile a un arciere: se sbaglia il bersaglio, cerca la causa di questo in se stesso."
(Confucio)

"Molto del dolore che provate è da voi stessi scelto."
(Kahlil Gibran)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

Amo un uomo che vuole solo sesso

Questo post è dedicato alle donne innamorate di uomini che le cercano solo (o principalmente) per fare sesso*. Per chi vive situazioni di amore non corrisposto in generale, ho scritto un post sull'amore non ricambiato (a cui a volte rimando a paragrafi specifici nel corso di questo post).
Lo spunto mi è stato dato da un commento inserito in altro post, la cui risposta riprendo ed espando qui. Anche se il commento presenta aspetti particolari, la situazione che riporta è così frequente da poter dare una risposta che tocca l'esperienza di molte donne.

* N.B.: Pongo la questione al femminile, perché è un fenomeno che riguarda quasi esclusivamente le donne. Naturalmente può capitare anche a certi uomini, ma in genere essi vengono "usati" dalle donne in modi differenti (per esempio come sostegno economico, come confidenti, o come supporto affettivo quando la donna non ha nulla di meglio sottomano).

Il commento

Frequento un uomo dove ci sono tutte queste diverse affinità, ma proprio tutte (ed è la prima volta che mi capita). Tranne che lui non vuole legami con nessuna, infatti è single da molti anni. Di conseguenza io non sono riuscita a lasciarlo andare, perché non credo di poter mai più incontrare un'intesa del genere.
Ma ormai è un anno che soffro "stando dietro" a quest'uomo. Non mi interessa avere una relazione con uno qualunque, quindi l'alternativa sarebbe stare sola finché e se non mi piacerà un altro (cosa che difficilmente mi succede). Sono così confusa... è terribile.

La mia risposta

Il tuo sembra il classico caso di una donna che si è infatuata di un cosiddetto "sciupafemmine". Probabilmente è un uomo fascinoso, sexy, virile, sessualmente travolgente - ed egocentrico; o sbaglio?
Ovviamente lui non vuole legami: perché dovrebbe? Ha già tutto quello che desidera, ovvero numerose donne a sua disposizione; per lui va benissimo così. E se anche un giorno ne scegliesse una, la poveretta si ritroverebbe presto abbondanti corna.

Oppure lui è un uomo: indeciso, che non vuole sentirsi legato, che non si sente pronto a impegnarsi, che vuole solo divertirsi, che ha già una fidanzata/moglie, che preferisce vivere in modo leggero o superficiale, non interessato ai sentimenti...
In fondo importa poco. Non esiste un unico modo "giusto" di vivere le relazioni, proprio come non esiste la "normalità". Quello che importa è capire che tu vuoi qualcosa che a lui non interessa, e che molto probabilmente non ti darà mai.

Perdonami se suonerò impietoso, ma questo tipo di situazione è un cliché alquanto comune fra le donne: trovi un uomo attraente di cui ti invaghisci e lo vorresti tutto per te; purtroppo molte altre donne vorrebbero lo stesso uomo, mentre lui vuole solo divertirsi (e grazie a voi può farlo).
Finché va bene anche a te divertirti e basta, fai pure; ma se vuoi di più, temo ci siano ben poche speranze. Credo che la tua confusione nasca dal fatto che sei così concentrata su quello che vorresti, da non vedere i fatti. Elencherò quindi una serie di punti salienti (con link a relativi post che potrebbero aiutare a chiarirti le idee).

Lui non cambierà

Non pensare di poterlo cambiare: non è mai possibile cambiare qualcuno, e lui non sembra proprio volere quel che vorresti tu. Non credere che un giorno cambierà magicamente idea e diventerà quello che sogni: accade solo nei film romantici.
Molte donne portano avanti relazioni insoddisfacenti o disfunzionali con la speranza o l'aspettativa che il partner cambi. Purtroppo questo atteggiamento porta sempre a conflitti, e quasi mai ai risultati sperati.

L'uomo perfetto non esiste

Non è possibile avere un partner che abbia tutte le qualità: l'uomo perfetto non esiste (e se esistesse vorrebbe una donna perfetta, che probabilmente tu non sei ;-). Nella vita reale, bisogna scegliere le qualità per noi più importanti, su cui non accettiamo compromessi, e quelle opzionali; bisogna stabilire le nostre priorità, e fare scelte in base a quelle.
Per esempio, se per te è prioritario essere amata e messa al primo posto dal tuo partner, sembra evidente che quell'uomo non può offrirtelo. Quindi è necessario trovare qualcuno capace di amarti come vorresti.

Se un partner sembra avere tutte le qualità che desideri, è probabile che:
  • Non lo conosci ancora abbastanza
  • Lo stai idealizzando (lo vedi perfetto e ne ignori i difetti), magari perché ne sei innamorata
  • Lui sta recitando una parte per conquistarti

“Non è possibile avere un partner
che abbia tutte le qualità”

Se non provi non puoi sapere

Dici che non troverai un altra persona con cui avere un'intesa così completa... ma non puoi saperlo se non provi. Al mondo ci sono oltre 3.800.000.000 di uomini; solo in Italia sono 30.000.000. Fra tutta quest'abbondanza, come fai a sapere che non ne troverai uno migliore? :-)
Se vuoi ottenere risultati diversi, devi per forza cambiare metodi. Se vuoi realizzare i tuoi sogni, devi metterti in gioco, agire e provare nuove strade, invece di ripetere quello che hai fatto finora, o di aspettare un "miracolo".

"Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi."
(Albert Einstein)

Non è l'amore che ti lega

Molte donne che soffrono in relazioni frustranti, vi rimangono con la motivazione di amare quell'uomo. Mi spiace deludervi, e smontare la vostra "favola romantica", ma ho il forte sospetto che non sia l'amore a legarvi a quell'uomo; piuttosto, potrebbe essere:
Non dimenticate mai che le emozioni possono facilmente ingannarci.

L'amore che ti manca è l'amore per te

Quando cerchi disperatamente l'amore di un uomo, sottomettendoti ai suoi capricci e lasciandoti usare, ti stai dimenticando di amare te stessa. E finché non impari a volerti bene, non troverai fuori da te l'amore di cui hai bisogno.
Comincia piuttosto ad amare e rispettare te stessa. Quando inizierai a farlo, ti verrà naturale tenere a distanza quel tipo di uomini.

“Quando cerchi disperatamente l'amore di un uomo
ti stai dimenticando di amare te stessa”

Il desiderio è spesso asimmetrico

A molti piace spiegare questo tipo di situazione con l'idea per cui "Gli uomini sono egoisti mentre le donne amano". Ma non è proprio così: non c'è un genere più "virtuoso" dell'altro, ed ogni individuo (uomo o donna che sia) è capace sia di egoismo che di amore (ciascuno a suo modo). Piuttosto, queste situazioni accadono perché "l'asimmetria del desiderio" (dove c'è una persona che vuole di più dell'altro, o si coinvolge di più) è del tutto normale e naturale:
  • Normale perché è frequente e può capitare a chiunque: belli e brutti, poveri e ricchi.
  • Naturale perché accade ovunque, tra noi umani come tra gli animali: in entrambi abbiamo rituali di corteggiamento infruttuosi, tentativi di accoppiarsi senza successo, infedeltà, individui respinti ripetutamente...
  • Senza contare tutte le storie d'amore infelici - famose o sconosciute - di cui è costellata la storia.
Insomma, in amore la discordia e la delusione sono comuni. Non è necessariamente colpa tua, o dell'altro. Le storie a volte funzionano, e a volte no; perché la vita non è "progettata" per farci felici. E' solo nelle favole romantiche che i due "vivono per sempre felici e contenti".

L'amore non è logico né equo

Tutto questo accade anche perché l'attrazione e l'innamoramento sono governati da principi che non sono logici né equi. E questo vale per gli uomini come per le donne.
Queste situazioni sono simili a quando un uomo e una donna sono amici, ma poi lui si innamora di lei (o viceversa): anche in questi casi una parte vorrebbe ciò che l'altra rifiuta. Ed anche in questi casi, chi non è coinvolto non è tenuto a ricambiare i sentimenti dell'altro, o a dargli quello che lui desidera: perché non è quello che sente.
Amare qualcuno non ti dà il diritto di aspettarti o "pretendere" che l'altro ti ricambi; non si ama "a comando", né per obbligo morale, né per senso del dovere.

Siete entrambi egoisti

In una situazione del genere, è facile sparare giudizi e bollare quell'uomo come "egoista" (e per certi versi lo è; ma se è stato chiaro fin dall'inizio, almeno lo è stato onestamente). Ma se guardi bene ciò che desideri, tu lo sei perlomeno altrettanto: perché vorresti da lui qualcosa che faccia stare bene te, e renda felice te, per tuo esclusivo vantaggio (lui ha già detto chiaramente che non gli interessa); e questo cos'è se non egoismo?
Quello che ti manca (essere amata come vorresti) lo cerchi a tuo esclusivo beneficio, non suo. Non è per fare felice un altro (che sarebbe lo scopo dell'amore), è per fare felice te stessa. Nulla di male, in sé, ma nemmeno qualcosa di altruistico o amorevole, ad essere onesti.

In questa situazione non c'è un egoista e un altruista, un "cattivo" ed un "buono". Ci sono due persone egoiste, ognuna a modo suo (con la differenza che una ottiene quel che vuole, e l'altra no: ma questo dipende da te, che ti fai usare).
Ovviamente, se lui ti sta anche ingannando con false promesse (o l'ha fatto in passato) è sicuramente una brutta persona. Ma questo dovrebbe essere un motivo in più per allontanarsi da lui, invece di restargli vicino e lamentarti.

Stai cercando nel posto sbagliato

Il succo della situazione è che vuoi una cosa impossibile: che lui ti voglia e ti ami a modo tuo - cosa che lui non ha nessuna intenzione di fare, e magari te l'ha pure detto dall'inizio. In pratica vuoi cavar sangue da una rapa, come si diceva una volta.
Ma nella rapa il sangue non c'è, e non ci sarà mai. E' come se tu insistessi ad andare dal panettiere, e lo implorassi di darti le arance che ti piacciono tanto: il problema non è il panettiere "cattivo" che non te le dà, il problema è che tu cerchi le arance nel posto sbagliato. Che tu insista a dire "Ma a me quel panettiere piace tanto!" non cambia i fatti, ovvero che sei tu a cercare nel modo e nel luogo sbagliato.

“Vuoi cavar sangue da una rapa.
Ma nella rapa il sangue non c'è,
e non ci sarà mai”

Hai diverse alternative

Le alternative non comprendono soltanto stare da sola o scegliere "uno qualunque", ma anche chiarirti cosa vuoi e cercare un uomo con quelle qualità, che sia interessato a te. Finché non lo fai, ti accontenti di quello che lui ti dà, ti poni nel ruolo della "mendicante" che elemosina amore da un uomo non interessato a darne. Sei sicura che ti vada bene restare in quella situazione?

Il mondo è grande e pieno di uomini, quindi vai a cercare la persona che corrisponde ai tuoi bisogni. Se ci hai provato ma finora non ci sei riuscita, prova a capire i motivi per cui non lo trovi: per ogni problema c'è sempre un motivo, e una volta compreso diventa possibile risolverlo.

Forse il problema è in te?

Per finire, forse una parte dei tuoi problemi di relazione deriva da una mancanza di autostima e di accettazione: quando crediamo di non meritare amore, o non ci consideriamo abbastanza, tendiamo ad attaccarci a persone che ci fanno soffrire o non ci vogliono. Se è il tuo caso, potresti iniziare dal provare ad accettare come sei.

Riprendi in mano la tua vita

La soluzione ai problemi di relazione non è in quello che altri fanno (che tanto tu non puoi cambiare), ma in quello che tu scegli di fare per te, e come tratti te stessa.
Ricorda, sta a te decidere cosa è meglio per te stessa. Occuparsi del tuo benessere è una tua responsabilità:
  • l'essere adulto include la capacità di occuparsi di se stesso e dei propri bisogni;
  • è invece tipico del bambino aspettarsi che siano altri ad occuparsi di lui.
Finché ti aspetti che sia lui a farti stare bene, a darti quel che vuoi e a prendere le decisioni giuste per te, ti poni nella posizione di una bambina che delega ad altri la cura di se stessa.

Sei tu che scegli

Spesso ci dimentichiamo che la vita che abbiamo, è in buona parte il risultato delle nostre scelte. Se questa vita non ci va bene, sta a noi fare scelte diverse. Sei tu che hai scelto di stare con quell'uomo, e sei sempre tu che continui a fare quella scelta: è importante che tu riconosca come questa situazione non ti sta capitando, bensì sei tu a crearla. Solo riconoscere questa tua responsabilità, che tu sei parte del problema, ti porterà il potere di uscirne; permettendoti di passare dal ruolo di "vittima" a quello di "creatrice".

"Ti ho amato perché era più facile che amare me stessa."
(Nayyirah Waheed)

"Tutte le passioni cercano una giustificazione."
(Nicolas Malebranche)

"La dipendenza non crea amore."
(Anais Nin)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

L'amore non ricambiato: amare chi non ti ama

Questo post è dedicato a chi ama qualcuno che non lo ricambia, o che non lo ricambia come vorrebbe. Se ti ritrovi in qualcuna delle situazioni seguenti, allora è dedicato a te:
  • Ami qualcuno che non ti vuole
  • Ami senza essere ricambiato
  • Ami un partner che mostra poco interesse, o prova sentimenti tiepidi per te
  • Ami qualcuno che non puoi avere
  • Ami una persona sposata, o già impegnata
  • Ami un partner che non vuole impegnarsi, o approfondire la relazione
  • Ami un uomo che da te vuole solo sesso
  • Ami una donna che ti cerca solo quando le fa comodo
  • Ami qualcuno che prende da te ciò che vuole, dandoti poco o nulla...
Moltissime persone si perdono e soffrono in questo genere di relazioni "distorte" e disfunzionali, e gli errori che compiono sono quasi sempre gli stessi. Per questo ho pensato di elencarli, per aiutarti a vederci chiaro e liberarti dalla sofferenza.
Non è questione di persone cattive, di sfortuna o di un destino avverso: queste situazioni nascono da scelte sbagliate (dovute ad idee errate, a convinzioni negative, a condizionamenti), e si risolvono comprendendo da dove nasce l'errore, e facendo scelte più "sane" e costruttive.

La verità fa male, ma è necessaria

Sarò franco, diretto e magari anche impietoso: ma lo faccio perché quando si è immersi in queste situazioni, diventa difficile ragionare e vedere i fatti per come sono. Per questo è spesso necessario dire la verità in modo brutale e inequivocabile (come magari fanno già i tuoi amici), perché le frasi di consolazione e le bugie pietose non ti aiuteranno, e continuerai a soffrire invano.


Errori ed inganni nelle relazioni infelici


Perché abbiamo bisogno degli altri

Prima di tutto, è bene chiarire che l'attaccamento e la dipendenza che proviamo verso certe persone, nascono principalmente dai bisogni che abbiamo dentro di noi: quando incontriamo qualcuno che li risveglia o li soddisfa, tendiamo ad attaccarci a quella persona.
Quindi:
  • Non è l'altra persona che ha generato i bisogni che senti e i sentimenti che provi; questi erano già presenti in te, l'altro li ha solo attivati.
    ---> L'amore che senti non è creato dall'altro, ma è parte di te; l'altro non può portarne via la fonte, ma solo l'ispirazione. Poiché quell'amore è in te, potrai amare anche altre persone.
  • Non è l'amore che ci lega a qualcuno (come molti credono), è piuttosto il bisogno.
    ---> Amore e bisogno non sono la stessa cosa. L'amore tende a dare, il bisogno tende a prendere; chi ama pensa al benessere dell'altro, chi ha bisogno pensa al proprio benessere.
  • Dipendi da qualcuno quando ti convinci che egli sia indispensabile per essere felice.
    ---> Per attenuare la dipendenza, puoi renderti conto che altri potrebbero renderti felice, e che anche tu stesso potresti nutrire i tuoi bisogni.

Le emozioni possono ingannarti

Per risolvere legami infelici, è indispensabile riconoscere che non puoi fidarti ciecamente di emozioni, istinti o sensazioni: potrebbero sempre ingannarti. Emozioni e istinti sono meccanismi primordiali che ci aiutano a sopravvivere o a scegliere, ma sono molto semplici e limitati:
  • Se improvvisamente vediamo un'ombra muoversi nella notte ci immaginiamo un assassino o un mostro, ma magari è solo un albero.
  • Quando un aereo su cui siamo seduti si stacca dal suolo, il nostro istinto ci urla "Questo aggeggio non può volare! Ci schianteremo!", ma ovviamente si sbaglia.
  • Tendiamo istintivamente a scegliere i cibi più gradevoli (dolci, snack, bibite...), per via del piacere che ci procurano, anche se sono spesso quelli più malsani
    (curiosamente, questo vale anche per alcuni tipi di partner: quelli più attraenti spesso si rivelano i più distruttivi).
  • Come dimostrato da molti studi, tendiamo a credere che le persone attraenti abbiano più virtù e, viceversa, quelle dall'aspetto sgradevole siano più scadenti o cattive. Ma se ci pensiamo razionalmente, appare ovvio che in realtà non c'è connessione tra aspetto e qualità interiori.

Richiami dal passato

Inoltre, spesso i nostri comportamenti (e specialmente le scelte relazionali) sono fortemente influenzati dal nostro inconscio: per cui magari sei attratta da un uomo freddo che si comporta come tuo padre, o scegli una donna insoddisfatta che assomiglia a tua madre o, ancora, scegli partner che ti trattano similmente a come sei stato trattato nell'infanzia
Questo accade perché l'inconscio tende a ricreare le situazioni dolorose del passato, per cercare di risolverle. Il problema è che, finché non esploriamo il nostro inconscio, non abbiamo idea del vero motivo per cui scegliamo quelle persone.

Le tue idee potrebbero essere errate

Proprio come le emozioni possono ingannarci, anche i pensieri e le idee potrebbero farlo: quindi è bene mettere in discussione anche le tue convinzioni, specialmente se ti portano ad essere infelice o a risultati fallimentari. Per esempio, se ti hanno insegnato che il sesso è sporco, che non ti puoi fidare degli uomini (o delle donne), che solo certe categorie di persone sono adatte a te, queste idee condizioneranno fortemente le tue relazioni.

Nel film "Amore a prima svista", il protagonista è convinto (a causa di una promessa fatta quando era bambino) che valga la pena frequentare solo donne bellissime, e ignora tutte le altre. Egli dà per scontata questa sua convinzione: non si rende conto che lo porta a inseguire donne con cui non ha nulla in comune, e a collezionare un fallimento dietro l'altro.
Molte persone si comportano in modo simile: fanno scelte relazionali basate su idee errate o disfunzionali, o su convinzioni slegate dalla realtà. A volte sei convinto di volere qualcosa (o qualcuno) perché ti hanno detto che è quella "giusta", ma magari non è quello che ti rende realmente felice: finché segui le idee altrui, non dai ascolto ai tuoi bisogni profondi reali.

Forse credi di non valere abbastanza

Oppure, forse hai delle convinzioni negative su te stesso (solitamente inconsce, e spesso radicate nell'infanzia), del tipo "Valgo poco", "Non sono abbastanza", "Non merito di essere amato", "Non troverò mai qualcuno che mi voglia", ecc. Se hai di queste convinzioni (magari perché te le ripeteva un genitore), anche se non te ne rendi conto, è probabile che tu crei situazioni che le confermano (secondo il principio della "Profezia che si auto-realizza").
Quindi se ti ritrovi in situazioni che si ripetono (persone che ti rifiutano, partner che ti tradiscono, relazioni deludenti...), magari hai delle convinzioni inconsce che ti condizionano. In questo caso è necessario diventarne consapevoli, e liberarsene.

Il colpo di fulmine si basa sull'immaginazione

Il "colpo di fulmine" è, essenzialmente e nella stragrande maggioranza dei casi, l'illusione di aver trovato la persona giusta per te, basata su pochissimi fatti e molta immaginazione. Infatti, se ancora dell'altro sai poco o nulla (come il più delle volte succede), come puoi amarlo? Di chi ti stai innamorando? L'altro è ancora in massima parte uno sconosciuto, e lo resterà ancora a lungo (ci vogliono tempo ed esperienze per conoscere davvero qualcuno). Quando ci innamoriamo perdutamente di uno sconosciuto, la nostra mentre prende alcuni dettagli e ci costruisce sopra un mondo di fantasia meravigliosa.
Infatti i problemi, i conflitti e le incompatibilità reali spesso emergono solo quando si inizia a passare lunghi periodi insieme, sperimentando il quotidiano, la convivenza, le banalità e le difficoltà della vita reale. Viceversa, finché ci si incontra solo per alcune ore dense di passione o per un weekend avventuroso, tutto sembra fantastico perché si vive in una "bolla" di emozioni positive, lasciando fuori gli aspetti più banali (e irritanti) dell'esistenza.

Attrazione e chimica non equivalgono ad amore e compatibilità

Anche se ti senti in modo meraviglioso tra le braccia dell'altro/a, non necessariamente vuol dire che siete fatti per stare insieme, o che il destino vi ha fatto incontrare: è del tutto possibile sentirsi in quel modo anche tra le braccia di un serial killer o di una psicopatica. Questo perché la "chimica" tra due corpi non c'entra nulla con l'intesa delle personalità, la comprensione reciproca o l'affinità dell'anima. Gli effetti biochimici dell'innamoramento e dell'infatuazione sono simili a quelli delle droghe, e allo stesso modo alterano la nostra percezione.
Infatti molto spesso, passata la fase iniziale di idillio, le due persone poi si lamentano che non stanno più così bene insieme o scoprono una serie di difetti nel partner: in quei casi è finita la "luna di miele" biochimica, e sono tornati alla realtà.

Bisogno e dipendenza non sono amore

Non confondere il bisogno e la dipendenza con l'amore (vedi paragrafo precedente su innamoramento e biochimica). Come già detto, l'innamoramento produce effetti simili alle droghe, inclusa la dipendenza e le "crisi di astinenza": così come un eroinomane si sente morire senza dose, allo stesso modo senza la persona amata puoi sentire che la vita non ha più alcun valore.
Ma in entrambi i casi sono illusioni, creati da una chimica cerebrale alterata ed emozioni ingannevoli:
  • Il drogato non ha veramente bisogno della droga, che gli farebbe solo male e lo porterebbe alla morte.
  • In modo simile, tu non hai davvero bisogno di qualcuno che non ti ama, non ti vuole, e a cui forse non importa nulla di te.
Quei bisogni sono un auto-inganno a cui ti aggrappi, e quando te ne rendi conto inizi a liberartene.

Allo stesso modo, avere ossessivamente bisogno di qualcuno non è un segno d'amore, ma - in genere - di fragilità emotiva, insicurezza e mancanza d'amore per se stessi. Meno ami te stesso, più hai bisogno dell'amore altrui.

Le favole romantiche dei media

Scambiamo queste illusioni per amore anche a causa dei messaggi romantici che riceviamo dai media, che celebrano vari aspetti distruttivi dei sentimenti: struggimento, possesso, dipendenza, gelosia, ecc. (non a caso, le storie d'amore più celebrate finiscono in modo tragico). Ci viene insegnato che la sofferenza è segno d'amore, invece che la gioia (ma se l'amore è sofferenza, perché mai dovremmo inseguirlo?).

Forse quello che provi non è amore

Dopo quanto ho scritto sopra, potresti chiederti se quello che provi verso l'altra persona sia davvero amore. Magari invece è soprattutto bisogno, dipendenza, attaccamento: che nascono non dall'amore, ma dalla solitudine, dalla mancanza, dalla necessità, dalla disperazione, dal vuoto interiore - e, spesso, specialmente da una assenza di amore per te stesso.

Capire questo è importante, perché se vai incontro a qualcuno offrendogli qualcosa di prezioso, è probabile che verrai accolto bene. Ma se invece ti avvicini a qualcuno come un "mendicante", tutto preso da quello che vuoi ricevere dall'altro (anche se non te ne rendi conto), è probabile che l'altro si ritragga o ti respinga. E questo potrebbe spiegare perché non vieni ricambiato.

Capire che l'altro è diverso da te

Spesso uomini e donne non capiscono l'un l'altra; questo è uno dei motivi che portano a conflitti relazionali, oppure ad attaccarci a persone che non comprendiamo - così come non comprendiamo perché ci rifiutino.
A volte ti aspetti che l'altro "funzioni" come te, che abbia gusti e interessi simili, e lo approcci facendo quello che piacerebbe a te stesso. Ma questo in genere è un errore, perché siamo tutti diversi (e specialmente uomini e donne hanno spesso differenti priorità).

Per capire perché non riesci ad attrarre chi vorresti, oppure perché certe persone piacciono ed altre no, può essere utile il post dedicato a "Come funziona l'attrazione". Per scoprire come mai certi uomini attraggono maggiormente le donne (ma poi le fanno spesso soffrire), ed altri invece sembrano respingerle, leggi il post "Maschi attraenti e non: Alfa, Beta e bravi ragazzi".

Guarda i fatti

Guarda la realtà, i fatti, le prove negative che l'altro ti dà; invece dei tuoi sogni, i desideri e le bugie che ti racconti. Spesso abbiamo la tendenza ad auto-ingannarci, a credere a quello che vorremmo fosse vero - anche se tutti intorno ci dicono che non è vero, e la ragione ci dice che è troppo bello per essere vero.

Non confondere la gentilezza con l'amore

Non confondere la gentilezza, l'affetto, la simpatia o il tenere in qualche modo a te ("Non voglio farti soffrire") con l'amore: possiamo essere gentili e trattare bene il vicino, il collega, il postino od anche un cane... ma questo non vuol dire che li amiamo! Non confondere un albero con la foresta, o una parte per il tutto; non prendere un gesto gentile o una parola affettuosa, per poi costruirci sopra un castello di fantasie.

Se l'altro pone dei limiti, credici

Quando qualcuno ti dice che vuole solo fare sesso, o che non vuole una storia seria, o che non vuole impegnarsi, o che tu gli interessi poco... credici! Non farti ingannare dai tuoi sogni o dall'illusione che...
  • "Prima o poi cambierà idea".
  • "Stavolta sarà diverso". Oppure "Con me sarà diverso" (ci piace pensare di essere speciali e che a noi andrà meglio che agli altri... ma nella maggior parte dei casi, i nostri problemi sono simili a quelli altrui).
  • "In realtà non lo pensa davvero" (come fai a sapere cosa pensa davvero un altro? Specialmente se lo conosci da poco!).
  • "Io saprò cambiarlo / salvarlo / convertirlo all'amore" (Non si può cambiare gli altri. E se pensi di salvare qualcuno, forse in realtà hai bisogno di salvare te stesso).
Quando scegli di credere a queste "favole", ti stai solo raccontando delle storie. Magari pensi che ti succederà come nei film romantici, ma quelli sono fantasie per far sognare la gente, non rispecchiano la vita reale.

I lamenti dell'uomo sposato

Il caso della persona sposata (più spesso un uomo) che si lamenta del matrimonio e dice di voler lasciare il coniuge, ma poi non lo fa mai, è talmente scontato da essere banale. E' praticamente un cliché, non essere così ingenua da cascarci.
Non dare troppo peso ai lamenti del tipo "Ormai le cose vanno davvero male... Non parliamo più... Non facciamo mai sesso...". Se anche è vero, non vuol dire che l'altro ha davvero intenzione di separarsi. Molte persone vogliono avere sia la stabilità che l'eccitazione: a questo scopo si tengono stretti sia il coniuge per la prima, che l'amante per la seconda. Avendo così ottenuto quello che vogliono, non hanno alcuna intenzione di rinunciarvi.
Dire che la relazione ha dei problemi, o che i coniugi non vanno d'accordo, non significa poi molto: tutte le relazioni hanno problemi, e nonostante questo la maggior parte di esse va avanti.

Farsi desiderare e altre strategie

Non credere che farsi desiderare, fare la difficile, farlo ingelosire, o usare altre "strategie", riusciranno a conquistare quella persona e renderla tua. Specialmente se lui è un tipo "bel tenebroso" (o comunque attraente), quando tu fai la difficile o ti neghi, lui semplicemente ne troverà un'altra.
Il più delle volte, non è vero che "In amore vince chi fugge"; questo è particolarmente valido quando l'altra persona ha mostrato per te poco o nessun interesse fin dall'inizio: non si ravviva un fuoco che non c'è mai stato.

Non c'è giustizia in amore

Inoltre, è bene tenere a mente che non c'è giustizia o equità in amore. Perché la giustizia è un costrutto culturale e razionale (infatti non esiste in Natura), ma le relazioni sono guidate principalmente da emozioni e istinti, non dalla ragione (per questo a volte stiamo insieme a persone che però ci danno ai nervi, oppure non proviamo alcun interesse sentimentale per persone che pure stimiamo e ammiriamo).
E' per questa ragione che a volte:
  • puoi dedicarti anima e corpo a una persona, ma costei potrebbe non mostrare alcun interesse o gratitudine;
  • oppure puoi condividere la tua vita con un partner, e improvvisamente costui si innamora di un'altra.
Non accade perché sono cattivi o ci vogliono male, ma perché "Il cuore ha le sue ragioni, che la ragione non conosce" (Blaise Pascal). Siamo in grado di scegliere cosa fare, ma non possiamo decidere cosa sentire.
Per questo in amore è bene fare quello che sentiamo giusto, perché è quello che vogliamo fare - e non per essere ricambiati. Se agiamo per un tornaconto o per essere ricambiati, rischiamo di accumulare amarezza e risentimento.

N.B.: Con questo non intendo dire che va bene tollerare mancanza di rispetto o comportamenti lesivi: se qualcuno non ti rispetta, o ti delude gravemente, fai benissimo ad allontanarti. Il fatto che possa succedere, non implica che ci debba andare bene.
Solo, non stupirti se dopo aver tanto investito su una persona, ti ritrovi senza alcun risultato. Piuttosto, tieni conto in anticipo che potrebbe succedere, e decidi se accettare questo rischio.


Come affrontare la situazione, come uscirne


Puoi soddisfare i bisogni dell'altro?

Poiché (come ho scritto all'inizio) ci attacchiamo o dipendiamo dagli altri quando abbiamo bisogno di loro, potresti chiederti se sei in grado di soddisfare i bisogni della persona che ami e che non ti ricambia, o non ti vuole. Se la risposta è "No, non sono in grado", quello potrebbe essere un motivo del tutto ragionevole per il suo disinteresse in te. Dopotutto, così come tu vorresti che l'altro nutrisse i tuoi bisogni, anche l'altro vuole lo stesso; se tu non puoi farlo, appare ovvio che si rivolga altrove.
Se invece la risposta è "Non ho idea di quali siano i suoi bisogni", questo potrebbe rivelare che stai amando un "fantasma", piuttosto della persona reale. Che ti attacchi all'idea che hai di lei, ma senza davvero conoscerla (e magari non hai nemmeno interesse a conoscerla: il che non è certo un segno di amore).

Chiediti se il problema sei tu

Se ti capitano spesso queste situazioni, o se ti sembra di trovare solo un certo tipo di partner, renditi conto che probabilmente il problema sei tu: in fondo, l'elemento costante di tutte quelle situazioni sei proprio tu. Magari hai problemi di autostima, o di accettazione, forse hai delle ferite inconsce, magari ti piace il dramma, oppure hai idee confuse sugli uomini.
Non capita per destino, o perché "Tutti gli uomini sono bastardi" (o "Tutte le donne sono stronze"): questi sono alibi che ti racconti per non ammettere la verità, ovvero che:
  • La responsabilità è tua, non del mondo.
  • Queste persone te le sei scelte, hai ignorato i segnali negativi, e ti ostini a stare attaccato a loro.
  • Quando loro non ti rispettano, sei tu che glielo permetti.
  • Non sono loro a volerti male, sei tu stesso a fartelo, quando ti ostini a comportarti in questo modo.
Le relazioni che abbiamo sono il risultato delle nostre scelte, non di quelle altrui (a meno che siamo stati costretti con la forza).

Se non puoi risolvere una situazione, arrenditi

Ci sono certe situazioni nella vita in cui non abbiamo la capacità o il potere di risolverle. Quando questo accade, l'unica via saggia è riconoscere i fatti e ammettere l'evidenza: poiché non hai il potere di cambiare l'altro o la situazione, puoi solo arrenderti a questa "impotenza".
Può sembrare una sconfitta ma, nel momento in cui ti arrendi, acquisti invece un grande sollievo ed una benefica liberazione: scarichi dalle tue spalle il fardello di un'impresa disperata, e guadagni un senso di pace prima impossibile.

Guarda al futuro con ottimismo

Non farti fregare dal pessimismo, dalla sfiducia e dalle passate esperienze, che ti portano a credere che andrà sempre così e ti soffocano la speranza. In realtà nessuno può prevedere il futuro: non sai cosa potrai diventare, chi incontrerai e cosa riuscirai a realizzare. Poiché non puoi saperlo in anticipo, perché abbattersi e disperarsi? E' meglio coltivare fiducia ed ottimismo.
Tieni presente che puoi sempre crescere e migliorare. Specialmente se sei giovane, l'esperienza vissuta finora dimostra ben poco: puoi ancora svilupparti, imparare a dare il meglio di te, e diventare molto più capace di come ti vedi ora. Ed anche se hai una certa età, puoi sempre cambiare scelte, mentalità e direzione nella vita.
Dai fiducia al futuro e al tempo: nessuna persona straordinaria è nata straordinaria, lo sono diventati strada facendo.


Riprenditi la responsabilità e il potere

Infine, abbi ben chiara una cosa: l'unico responsabile della tua felicità, sei tu stesso. Non è compito degli altri renderti felice, né soddisfare i tuoi desideri. Solo un bambino si aspetta che altri si prendano cura di lui: un adulto si prende cura di se stesso.
Se incontri qualcuno che ti rende infelice e/o ti tratta male, è tuo compito allontanartene il più in fretta possibile; non aspettare che sia l'altro a diventare gentile (gli esseri umani sono tutti imperfetti, alcuni più di altri).
Finché attribuisci ad altri la colpa del tuo malessere, stai anche dando loro la tua responsabilità e il tuo potere (se dipende da loro, significa che loro hanno potere su di te): riprendi in mano il tuo potere, la tua vita, e decidi cosa è davvero bene per te. Smetti di raccontarti favole romantiche e credere a illusioni zuccherose, e cerca di volerti bene e rispettarti: se non lo fai tu per primo, perché dovrebbero farlo altri?

N.B.: Dicendo questo non giustifico comportamenti lesivi, manipolatori o ingannevoli: sicuramente chi agisce sapendo di fare male ad altri, ne è responsabile (e se vieni costretta o minacciata, chiedi aiuto ad organizzazioni di sostegno o alle forze di Polizia). Però aspettarsi che siano costoro a cambiare e risolvere la situazione, non serve a nulla; l'unica cosa che funziona in casi come questi, è prenderti la responsabilità e agire in prima persona.
In altre parole, anche se l'altro è il problema, solo tu sei la soluzione.

"Se non si ferma alla tua stazione, non è il tuo treno."
(Marianne Williamson)

"Ti ho amato perché era più facile che amare me stessa."
(Nayyirah Waheed)

"Se qualcuno non mi vuole, non è la fine del mondo.
Ma se io non voglio me stesso, il mondo non è che una fine dopo l'altra."

(Nayyirah Waheed)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

Farsi desiderare non sempre funziona

Vedo che di frequente alle donne viene consigliato di "farsi desiderare", di "giocare a fare la difficile", o comunque di mostrarsi poco interessata e non disponibile (incluso sessualmente), anche verso gli uomini che lei desidera. Molti sostengono con fermezza che "In amore vince chi fugge".
La convinzione dietro a questi consigli è che, mostrandosi ritrosa e poco disponibile, gli uomini superficiali e che puntano solo al sesso verranno scoraggiati; mentre quelli veramente interessati, seri ed affidabili, saranno disposti ad aspettare fin quando lei non deciderà. In altre parole "fare la difficile" viene vista come una strategia efficace per trovare la "persona giusta".

Fare la difficile è rischioso

Secondo me, questo genere di consigli è molto meno efficace di quanto si pensi, e addirittura può rivelarsi controproducente in molti casi. Almeno per tre ragioni fondamentali.

1) Alcuni seduttori si scoraggiano, altri si eccitano

Quando una donna "si fa desiderare", è vero che può scoraggiare alcuni uomini "seduttori" (quelli che vogliono soltanto portarsela a letto o che cercano solo brevi avventure)...
Ma altri seduttori sono invece stimolati dalla sfida, sono eccitati dalla conquista, e più una "preda" appare difficile da conquistare, più si impegnano nella seduzione. Per poi allontanarsi comunque una volta raggiunto il loro scopo.

2) Potresti allontanare un uomo interessante

Quando una donna "gioca a fare la difficile", può capitare che scoraggi un uomo che sarebbe stato interessato e valido per lei - ma lei non lo scoprirà mai, perché ormai è perduto. Questo vale specialmente nel caso di uomini di qualità, con buona autostima e sicuri di sé (guarda caso, un tipo di uomo che alle donne interessa): perché costoro sanno di valere, quindi non sono disposti a sprecare il proprio tempo o a farsi prendere in giro da donne che sembrano fare "giochini" strategici.

3) Potresti attirare uomini squilibrati

Mostrarsi poco disponibile, distante o fredda potrebbe attirare uomini dalla personalità poco equilibrata o addirittura malsana, per esempio uomini inclini al controllo ossessivo o rigidamente moralisti. Questi uomini apprezzano una donna chiusa e trattenuta, non per ragioni sentimentali ma perché ambiscono a controllare il corpo e la vita della partner, o perché hanno convinzioni religiose retrograde (pensiamo a certe culture islamiche oppressive, o a sette cristiane estremiste). Uomini del genere all'inizio potrebbero risultare appetibili perché appaiono seri, solidi ed affidabili. E' solo in un secondo tempo che i "lati oscuri" di queste personalità emergono, a volte in modo inquietante (è il caso di molte relazioni abusive e/o violente).

O ancora, si potrebbero attrarre uomini dalla sessualità fortemente repressa, che quindi hanno paura dell'eros femminile e vengono rassicurati da una donna fredda e sessualmente indisponibile. E' un tipo di uomo che all'inizio può apparire tranquillizzante, ma che poi in un'eventuale relazione si rivela solitamente deludente, sia a livello di blocchi psicologici che di capacità sessuale.

Non credo che questi siano il genere di uomo che state cercando...

N.B.: Per molti versi queste dinamiche valgono sia per le donne che per gli uomini: anche un uomo che "faccia il difficile" può perdere un'opportunità con una donna sicura di sé; oppure può attrarre donne poco equilibrate. Però è più raro che agli uomini vengano dati consigli come quelli indicati all'inizio.

“Quando una donna 'fa la difficile'
potrebbe perdere un uomo interessante”

Perché crediamo a questi consigli

L'idea che se ti mostri "casta e pura" o fai la difficile, che se "tieni da conto" la tua sessualità e la elargisci con parsimonia, verrai "premiata" con l'equivalente moderno del "principe azzurro", ci arriva dalle favole romantiche e dai messaggi distorti dei media, ma non corrisponde alla realtà.
Le relazioni vere non funzionano come nelle commedie romantiche hollywoodiane, dove la protagonista fa penare l'uomo per tutto il film, ma alla fine lui si convince che lei sia meravigliosa e vorrà sempre stare con lei. Nella vita reale, dopo un certo periodo di delusioni e frustrazioni, è molto più probabile che l'uomo reagisca come fa Rhett Butler alla fine di "Via col vento", quando pianta in asso la capricciosa Rossella O'Hara dicendole "Francamente mia cara, me ne infischio!" (e se non fosse un film romantico, probabilmente l'avrebbe fatto molto prima).

Gli uomini reali, specialmente quelli di qualità, si stancano presto di questi "percorsi ad ostacoli" e vanno verso donne più aperte, positive e disponibili (essendo di qualità, sanno di meritarsi di meglio). Quelli disposti a sottostare a queste strategie femminili sono piuttosto gli "sfigati", gli uomini insicuri e i "bravi ragazzi" che, stimandosi poco o nulla, sopportano passivamente nella speranza di arrivare prima o poi al dunque.

Ma se lui...

Anche l'obiezione "Ma se lui tiene veramente a me, non si scoraggerà" (o "Se mi ama...", "Se è l'uomo giusto...") nella realtà non sta in piedi: anche se lui è davvero interessato, finché la relazione non è stabilita sa bene di non avere certezze. Quindi sta "investendo" il suo tempo e risorse senza alcuna garanzia, su qualcuno che potrebbe deluderlo in qualsiasi momento: più il tempo passa senza risultati, più il suo "investimento" nella persona respingente apparirà come una scelta fallimentare, fino al momento in cui lascerà perdere (perché si è stancato di dare senza ricevere).
E se pensate che queste valutazioni non valgano per le persone innamorate, non avete capito come funzionano gli esseri umani: ognuno cerca la propria felicità, e quando continua a non trovarla, prima o poi decide di cercarla altrove.

“Ognuno cerca la propria felicità;
e se non la trova con te, la cercherà altrove”

Gli uomini non capiscono i segnali ambigui

Considerate pure che gli uomini tendono a prendere la comunicazione in modo letterale: quindi se una donna segnala "Non sono interessata a te", è più facile che ci credano, piuttosto che pensare "In realtà vuole che io insista".
D'altra parte, anche il femminismo ha fortemente ribadito il concetto di "No significa no" (e giustamente, poiché certi uomini tendono invece ad insistere in modo invasivo), per cui un uomo intelligente e sensibile tende a rispettare i "No" che riceve dalle donne.
Quelli che invece non rispettano i segnali negativi, sono proprio gli uomini che molte donne vorrebbero allontanare: quelli superficiali, ignoranti, rozzi ed egocentrici. Quindi si può arrivare al paradosso per cui l'atteggiamento del "fare la difficile":
  • allontana gli uomini di qualità (che rispettano i "No"),
  • e non produce alcune effetto sugli uomini che si vorrebbe allontanare, che continuano ad insistere.

E nessuno legge il pensiero

Infine, visto che nessuno sa leggere il pensiero, quando una donna comunica un "No" l'uomo non ha modo di sapere se lei lo intenda veramente, o stia solo "facendosi desiderare". Purtroppo molte donne si aspettano invece che gli uomini sappiano comprendere le loro intenzioni, anche quando non vengono esplicitate, o vengono espresse in modo ambiguo. Ma la realtà è che gli uomini non ne sono capaci, quindi i "segnali" femminili, i sottintesi e i "gliel'ho fatto capire" non portano a nulla.

Consigli per gli "acquisti"

Quindi, se cercate un uomo mentalmente aperto, positivo, emotivamente disponibile, passionale, che apprezza il sesso e sa goderselo insieme alla partner, sicuro di sé e con buona autostima... rendetevi conto che comportamenti "sfuggenti" come quelli indicati all'inizio rischiano di farlo allontanare. Pensateci: un individuo sano vuole sentirsi amato e desiderato, non respinto e rifiutato; quindi, di fronte ad atteggiamenti freddi e chiusi una persona sana potrebbe allontanarsi, andando verso chi invece lo tratta positivamente. E' una reazione naturale per una persona equilibrata.

Inoltre, anche se un uomo non si fa scoraggiare da una donna che "fa la difficile", c'è sempre la possibilità che mentre voi tenete a distanza l'uomo che volete "mettere alla prova", egli incontri qualcun'altra che si dimostra più interessata a lui (e magari più interessante). Quindi tenete presente che prolungare i tempi può giocare a vostro sfavore.

“Un individuo sano
vuole sentirsi amato e desiderato,
non respinto e rifiutato”

Sedurre con l'autenticità

Per non parlare del valore dell'autenticità: a nessuno piace che gli si menta, o venire preso in giro. Se un uomo scopre di essere stato tenuto a distanza senza una ragione concreta, solo per furbizia, per testarlo o per capriccio, potrebbe prendersela.
Viceversa, ricevere una dimostrazione sincera ed autentica di interesse, affetto e desiderio, è per molti qualcosa che tocca il cuore e lo scalda, rivelandosi più efficace di tante strategie.

L'importanza della fiducia

C'è anche la questione della fiducia. Se nelle fasi iniziali dell'approccio hai recitato una parte, non ti sei rivelata e hai mentito su quello che sentivi (e fingere disinteresse può essere tutto questo), l'altra persona farà fatica a fidarsi di te: come può sapere se ora sarai autentica? Come può essere certa che non continuerai a mentire e recitare?
Una relazione che inizia con la finzione, parte da basi fragili. Chi si è fatto conoscere proiettando una falsa immagine di sé, spesso sente la necessità di continuare la "recita" anche dopo; pensa "Se gli piacevo in quel modo, magari se ora mi mostro come realmente sono non gli piacerò più". La bugia richiama altre bugie.

“Una relazione che inizia con la finzione,
parte da basi fragili”

In amore non esistono regole valide per tutti

Con quanto detto sopra non sto affermando il contrario, ovvero che rivelare immediatamente il proprio interesse per qualcuno, e/o mostrarsi subito sessualmente disponibile, sia la strategia migliore.
E' vero che, in genere, molte persone sono più interessate verso qualcuno che non sia immediatamente disponibile, che appaia in qualche modo "misterioso", o del cui interesse non siamo certi. In qualche modo, per molti il dubbio appare più eccitante della certezza. Come spiego nel post dedicato a "In amore vince chi fugge", ci sono ragioni per cui questo accade, anche se poi dipende da diversi fattori.

Ma ricordiamo che nessuna regola relazionale vale sempre per tutti, perché non siamo tutti uguali; quindi:
  • alcuni preferiscono persone che si mostrano immediatamente interessate e disponibili (dopo tutto, è gratificante sentirsi voluti);
  • altri sono più attratti da chi mantiene un "alone di mistero" o non si svela immediatamente - ma lo fa dopo un certo tempo;
  • altri ancora sono eccitati dalla conquista, e prediligono chi si nega o si mostra inaccessibile.

"Le donne sono così bugiarde che non si può neppure credere al contrario di quello che dicono."
(Georges Courteline)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)



Licenza Creative Commons
© 2017 Valter Viglietti. Psicofelicità è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.