Aspettative errate sulle relazioni -
Sessualità

Questa serie sulle aspettative nelle relazioni è divisa in otto post: una introduzione (con spiegazioni più ampie e dettagliate di quelle riportate qui) e sette aree tematiche (vedi indice con link alla fine).

Il pericolo delle aspettative

Specialmente nel corteggiamento e nelle relazioni, certe aspettative possono rovinare le opportunità e incrinare rapporti altrimenti validi. Se per esempio mi aspetto che il mio compagno non sbagli mai, o che la mia partner mi renda sempre felice, mi ritroverò sicuramente deluso e risentito; ma l'errore risiede nelle mie aspettative irreali, non nell'umana imperfezione dell'altro!
E' quindi essenziale diventare consapevoli delle nostre aspettative, e renderci conto di quanto queste siano realistiche oppure utopiche. Perché se mi aspetto la perfezione, passerò tutta la vita a cercarla senza successo.

“Se mi aspetto la perfezione,
passerò tutta la vita
a cercarla senza successo”

Aspettative di donne e uomini

Indico il genere dell'aspettativa con i codici [F] (femminile) ed [M] (maschile).


Aspettative sulla sessualità


[M] Lei non dovrebbe concedersi subito... Ma vorrei che lo facesse

Molti uomini vivono questa contraddizione (di cui in genere non sono consapevoli): gli è stato insegnato a svalutare le donne sessualmente disponibili, per cui si aspettano che lei non si conceda facilmente. Ma al tempo stesso desiderano intensamente fare sesso, per cui inviano segnali contrastanti alle donne ("Sii virtuosa / Ti desidero"), e/o fanno dei voltafaccia che lasciano le donne interdette (prima insistono per fare sesso, poi disprezzano la donna che lo fa).

A certi uomini è stato insegnato a dividere le donne in "puttane" o "madonne" (una divisione innaturale e nevrotica): sono attratti dalle prime, ma credono di dover scegliere le seconde per le relazioni serie. Purtroppo queste contraddizioni non sono facilmente risolvibili, finché l'uomo non prende consapevolezza dell'insensatezza di ciò che gli è stato insegnato. Alle donne suggerisco di evitare questo tipo di uomini, poiché la loro educazione tradizionale e i loro moralismi saranno sempre fonte di conflitti.

[F/M] Scegliere un partner focoso e disinibito, e poi volere che diventi casto

Molti sono attratti da chi esprime una sessualità intensa ed esuberante, ed è pienamente comprensibile: costoro sono sexy, vitali e promettono notti di passione. Il problema nasce quando scegliamo un partner del genere, e poi ci aspettiamo che quella persona diventi riservata e fredda con chiunque altro. Vogliamo cioè che cambi la sua natura (che ci ha attratto in primo luogo), per timore che la viva con altri.

Ma una persona rimane la stessa anche quando è in coppia, quindi questa aspettativa è priva di senso: se vogliamo un partner serio e fedele dobbiamo sceglierlo con quell'inclinazione dall'inizio; e se invece ne vogliamo uno sexy e focoso, poi dobbiamo accettare che la sua natura rimarrà tale (e potrebbe tendere a flirtare, o avere più inclinazione al tradimento).

[F/M] Se il mio partner mi ama non mi tradirà mai, e non desidererà altre persone

Sull'amore si dicono molte cose che non corrispondono a realtà, e una di queste è l'illusione che amare qualcuno ci renda del tutto indifferenti a chiunque altro, e che quindi non avremo mai la tentazione di tradire.

Purtroppo non funziona così: anche quando amiamo restiamo comunque sensibili alla bellezza o al fascino, quindi possiamo trovare attraenti altre persone. Inoltre, potremmo trovarci in una situazione in cui amiamo il partner ma siamo insoddisfatti o in crisi, e questo potrebbe indurci a tradire. Pensare che amore e tradimento siano mutualmente esclusivi ("Se ami non tradisci; se tradisci non ami"), è una semplificazione ridicola su una materia complessa come i sentimenti.

Invece di dare per scontata la fedeltà, i partner farebbero bene a riconoscere che potrebbe capitare anche a loro di tradirsi. Visto che succede in oltre metà delle coppie, il tradimento non si può più considerare un'anomalia, ma quasi la normalità. Appare evidente che agli esseri umani la monogamia non viene affatto naturale: sarebbe quindi più onesto parlarne apertamente, piuttosto che agire alle spalle del partner. E se l'esclusività risulta troppo vincolante, magari considerare qualche forma di non-monogamia.

[F] Il mio uomo dovrebbe avere voglia di sesso solo con me

Che il partner possa provare desiderio sessuale a prescindere da noi, e verso altre persone, può ovviamente provocare una certa inquietudine. Può sembrarci un segno di scarso coinvolgimento, o un elemento di pericolo per la coppia.

Ma occorre riconoscere che quel desiderio è del tutto normale: l'impulso erotico ci viene naturale, provocato in primis da meccanismi fisiologici su cui non abbiamo alcun controllo. Il desiderio sessuale ci accompagna per buona parte della vita, che siamo in coppia o meno; è parte del nostro essere. Similmente è naturale provare del desiderio per altre persone, anche se amiamo la nostra compagna (come spiego nel punto precedente).

[M] L'equivalente aspettativa maschile sembra infrequente, forse perché molti uomini hanno la convinzione - spesso errata - che le donne siano meno interessate al sesso.

[M] La mia partner dovrebbe essere perfetta e abile come un'attrice porno

La pornografia è finzione - come peraltro ogni produzione cinematografica. Dovrebbe essere superfluo dirlo, eppure alcuni uomini (specialmente quelli inesperti o ignoranti in materia) sono così influenzati dal porno che si aspettano di trovare partner con corpi statuari e levigati come quelli delle pornoattrici (che sono comunque ritoccate - come ogni attrice); oppure che la propria partner faccia sesso in modo spettacolare come le pornodive; o, ancora, che lei si ecciti subito o che abbia orgasmi facili e multipli.

La realtà è ovviamente ben diversa: tutti abbiamo corpi imperfetti e segnati dal tempo, tutti abbiamo qualche difficoltà, limite o inibizione in ambito sessuale; oppure ci piace farlo in modi che non sempre corrispondono a quelli del partner. Certo il porno può fornire idee e spunti per variare la propria vita sessuale, ma non bisogna mai dimenticare che:
  • quello che vediamo a video è spesso irrealistico o simulato;
  • la partner è un essere umano e non una bambola gonfiabile, quindi qualsiasi pratica va scelta e voluta da entrambi, mai imposta o forzata.

[F] L'equivalente aspettativa femminile è che il proprio partner sia affascinante e devoto come il protagonista dei film romantici, e che la relazione sia fiabesca come quelle delle principesse Disney.

[F] L'uomo dovrebbe unire sessualità e affettività (come faccio io)

Molte donne (specialmente quando sono innamorate) vedono l'amore e la sessualità come inscindibili. Restano quindi stupite (o deluse) quando realizzano che un gran numero di uomini (compreso magari il loro partner) possono vivere sesso e affettività separatamente.

In realtà sia donne che uomini possono scindere sessualità e amore. Le donne però sono più inclini ad unirle, sia perché influenzate dai miti romantici che per ragioni evoluzionistiche. Sempre per le stesse ragioni evoluzionistiche, i maschi sono invece spinti a fare sesso senza porsi troppe domande. Poiché è un istinto naturale, non ha molto senso giudicare questo desiderio; se vogliamo vivere in pace con l'altro sesso, dobbiamo accettare che ciascuno vive le cose in modo diverso.


Possiamo cascarci tutti

E' facile sottovalutare il potere delle aspettative, oppure pensare che "Io non potrei mai credere a cose assurde"; ma invece possiamo cascarci tutti (perché ci hanno sempre detto così, o perché ci piacerebbe tanto crederci). Per esempio, immaginiamo un uomo che creda "Ogni donna che mi sorride mi desidera", oppure una donna che creda "Un uomo che esce con me deve trattarmi come una principessa, e soddisfare ogni mio capriccio": possiamo facilmente immaginare quanto sarà problematica la loro vita relazionale.

Desiderare senza pretendere

Le aspettative diventano particolarmente problematiche quando pretendiamo che vengano soddisfatte; quando crediamo che siano un diritto, o qualcosa che ci è dovuto - invece che, semplicemente, una nostra preferenza. Certo ognuno ha diritto a desiderare quello che più gli piace - ma l'altro non è obbligato a soddisfarci.
Ognuno cerca la propria soddisfazione, e desideriamo qualcuno proprio in base alla soddisfazione che egli ci dà (o che noi speriamo ci dia). Quindi è saggio:
  • Mantenere delle aspettative realistiche.
  • Imparare a chiedere quello che desideriamo (invece di presumere che sia evidente, o di aspettarci che gli altri ci leggano nella mente).
  • Non pretendere quello che gli altri non vogliono - o non possono - darci.

“Teniamo conto che gli altri
non esistono per renderci felici”


Aspettative errate sulle relazioni - Indice


"La grande domanda a cui non ho mai saputo rispondere, nonostante i miei 30 anni di ricerche sull'animo femminile, è 'Cosa vuole una donna'?"
(Sigmund Freud)

"L'infelicità è il divario tra le nostre capacità e le nostre aspettative."
(Edward de Bono)

"Gli infelici credono facilmente in quello che desiderano molto."
(Seneca)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

4 commenti :

  1. Caspita, ha scritto 7 articoli in un giorno? :) Chiusa questa brevissima parentesi, anche oggi ho ricevuto altri consigli molto utili, soprattutto nel campo delle relazioni. Soprattutto riguardo l'ultimo punto, ricordo 3/4 mesi fa o qualcosa di più, di averle posto una domanda del tipo "può una persona avere un'attività sessuale più appagante con uno sconosciuto ma provare affettività maggiore verso il/la partner?" (più a meno l'avevo formulata cosi), non per prendermi meriti che probabilmente potrei non avere, le ho per caso lanciato un piccolo spunto? :) Comunque, probabilmente è vero che gli uomini tendono a comprendere e saper distinguere quando provano solo attrazione sessuale. A me, ad esempio, è capitato talmente tante volte di provare impulsi verso diverse e molte donne/ragazze, molte di loro pure antipatiche, altre magari di mezza età ecc. insomma, non sentivo affetto nei loro confronti, ma semplicemente delle voglie (e in alcuni casi, sperando che potesse evolversi in qualcosa di più, ma non mi sono mai fatto troppi film). Di affetto, a dire il vero, ne ho provato per pochissime (più che altro per me sono state vere e proprie fisse e/o infatuazioni), anche perché sono sempre stato convinto che il sentimento nasca con la frequentazione. Invece le ragazze e/o le donne, tendono spesso a spacciare i loro istinti come sinonimo di amore o semplicemente pensano che quella sia la persona giusta e perfetta. Insomma, la ringrazio nuovamente per altre lezioni ricevute.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. > Caspita, ha scritto 7 articoli in un giorno? :)
      No, ho solo suddiviso l'argomento delle aspettative in 8 post diversi :)
      (postati insieme perché linkati tra loro)

      > le ho per caso lanciato un piccolo spunto? :)
      No, sorry, lo spunto mi è venuto da una domanda su Quora.

      > Comunque, probabilmente è vero che gli uomini tendono a comprendere e saper distinguere quando provano solo attrazione sessuale.
      Dipende. Io per molti anni confondevo spesso l'attrazione con l'innamoramento.
      Mi ci sono voluti anni di analisi delle mie emozioni per imparare a distinguere le varie pulsioni.

      E' però vero che, mediamente, le donne tendono più ad attribuire a sentimenti od amore quello che provano, mentre gli uomini sono meno inclini a farlo.
      Ma molto dipende dalla consapevolezza individuale, e dall'educazione ricevuta (p.es. spesso alle donne viene insegnato ad esaltare i sentimenti, agli uomini a sminuirli).

      Elimina
    2. Consulta anche testate e articoli di altri paesi? Noto che lei è una persona molto curiosa. Probabilmente è anche e soprattutto per questo che ha molte argomentazioni da proporre. Per quanto riguarda l'attrazione e i sentimenti, probabilmente è una questione del tutto soggettiva, cioè quanto si è in grado di percepire ciò che realmente si prova. Nel mio caso è quasi sempre stato cosi, ero cosciente nel sapere se fosse solo una, o un'altra cosa oppure entrambe ecc. Sull'educazione, a me hanno insegnato a dar valore ai sentimenti, anche se poi conta anche il contesto esterno (scuola, amici ecc.) e non solo quello familiare. Infatti spesso mi capitava di vedere ragazzi un pochetto più "superficiali" e ragazze quasi assuefatte da miti romantici e quant'altro.

      Elimina
    3. > Consulta anche testate e articoli di altri paesi?
      Leggo abitualmente in inglese, perché ci sono molte più informazioni (e spesso più approfondite) che in italiano - da cui traggo spesso spunti.
      E sicuramente sono un gran curioso :-D

      Elimina

(vedi le linee guida per i commenti)



Licenza Creative Commons
© 2017 Valter Viglietti. Psicofelicità è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.