L'amore perfetto non esiste - L'Utopia Romantica

L’Utopia Romantica è il mito sentimentale della relazione ideale, perfetta, di amore incondizionato ed eterno, fra due persone che trovano l’una nell’altra tutto quello di cui hanno bisogno. E’ un mito diffuso e perpetuato da molte fonti, in primis canzonette e film commerciali. Come tutti i miti, viene creduto sia perché ripetuto continuamente e dato per scontato dalla cultura ufficiale, sia perché seducente: ci crediamo perché è bello crederci; a tal punto che tendiamo a crederci, anche quando i fatti intorno a noi lo smentiscono ampiamente.

Quindi, in pratica, l’Utopia Romantica non accade mai. Peraltro come potrebbe accadere, fra due esseri umani imperfetti, una relazione perfetta? Siamo tutti individui, ciascuno è diverso dagli altri e desidera cose diverse (almeno in parte), quindi nessuna coppia sarà mai compatibile al 100%. Quando ci innamoriamo perdutamente ci sembra di aver realizzato questa utopia, ma è una illusione che, prima o poi, ha termine: è dimostrato che l’innamoramento è "programmato" per durare, al massimo, due-tre anni (e sovente si esaurisce ben prima).

Con questo non voglio dire che non possano esistere relazioni di amore profondo e duraturo; certamente esistono, ma sono abbastanza infrequenti. Nel modello in cui descrivo la complessa realtà delle relazioni umane (vedi Relatività Relazionale), le ho inserite in quello che chiamo "Paradiso Relazionale"; sono relazioni "quasi perfette", fra due persone altamente compatibili. Quello che intendo è che l’Utopia Romantica (come tutte le utopie) non si raggiunge mai; indica un assoluto a cui si tende, ma che non esiste nella realtà.

I pericoli dell’Utopia Romantica (UR)

Ritengo importante evidenziare i numerosi rischi impliciti in questo mito, poiché - come per tutti i miti - il rischio di farsi confondere le idee ed esserne sedotti (con tutte le conseguenze) è elevato. L’UR ci presenta l’idea di un "partner ideale", perfetto, unico e destinato ad unirsi a noi (in inglese "the One" - ovvero l’eletto, l’unico e il solo), la persona "giusta", l’anima gemella come unica persona a me destinata. Però:
  • Abbiamo già osservato come nessun essere umano reale possa essere un partner perfetto. Peraltro, semanticamente parlando, "ideale" è proprio l’opposto di "reale".
  • Unico vuol dire che, se non ci capitasse mai di incontrare questa persona, saremmo sentimentalmente perduti. Il che è spaventoso e deprimente.
  • E se invece che uno, ci fossero molti partner possibili per ciascuno di noi, altamente compatibili, al mondo? E’ di certo un’ipotesi più incoraggiante (oltre che più probabile).
  • Moltissime persone non incontrano mai questo fantomatico ideale: vuol dire che il destino si è dimenticato di loro? O che questo destino vale solo per pochi eletti? O, piuttosto, che questo presunto destino è immaginario?
L’UR ci induce ad aspettarci l’assoluto, ad aspettarci dal partner una perfezione impossibile: che egli soddisfi tutti i nostri bisogni; che indovini i nostri desideri senza bisogno di parlare; che si comporti sempre nel modo migliore per noi; che non provi mai desiderio verso altre persone. E questa aspettativa prima o poi ci porta a soffrire per l’inevitabile delusione, e a prendersela col partner per averci deluso: a condannarlo per la sua imperfetta umanità.

L’UR implica, per molti, l’illusione che la persona "giusta" mi amerà semplicemente perché sono io, senza che io debba fare o dare nulla. Ma questo tipo di amore "passivo", in cui si viene amati per il solo fatto di esistere, accade solo tra genitori e figli (ed anche lì, è tutt’altro che scontato). Una relazione sana fra adulti, invece, è tanto più funzionale quanto più ciascuno è in grado di nutrire i bisogni dell’altro, il che richiede una partecipazione attiva, capacità di cambiare e crescere, di adattamento e compromesso: in pratica, veniamo amati anche per quello che sappiamo dare al partner (vedi "Il tuo 'valore di mercato' nelle relazioni"). Al contrario, l’UR consente alle persone immature di sfuggire la necessità di evolversi (e quindi sviluppare le doti per costruire una relazione efficace), cullandole nell’attesa della persona "giusta" che - magicamente - li amerà a prescindere (anche se sono in grado di dare poco o nulla).

L’UR ci spinge a rifiutare relazioni positive ma incomplete (relative, invece che assolute), e quindi a vivere meno intensamente: più poveri, soli e denutriti (affettivamente e sessualmente); l’UR ci esorta a rifiutare qualsiasi relazione che non rientri nei suoi modelli idealizzati (il grande amore, la donna perfetta, il principe azzurro, "finché morte non ci separi", ecc.) (vedi più avanti il paragrafo "Aspettando Godot"). Vale la pena ricordare come sia scientificamente provato che il contatto tattile e una buona attività sessuale sono importanti per la salute sia fisica che psicologica; e questo funziona anche se la relazione non è pienamente appagante.

L’UR ci porta a credere che l’amore possa mantenersi sempre uguale a se stesso, che i sentimenti possano essere stabili e immutabili. In realtà, tutto cambia nella vita, ed emozioni e sentimenti sono particolarmente inclini al cambiamento. Nessuno sente la medesima emozione di un mese prima, nessuno ama qualcuno allo stesso identico modo di un anno fa. Amare una persona per tutta la vita è possibile, ma anche quell’amore cambia, si trasforma ed evolve nel tempo. Pensare che l’amore debba rimanere sempre uguale, ci spinge ad aggrapparci al passato ed a negare quello che man mano diventiamo (quindi a mentire).

L’UR ci convince che una relazione valida debba necessariamente durare tutta la vita, essere monogamica ed esclusiva. Però:
  • Molte relazioni hanno una durata relativa. E, per buona parte di questa durata, sono spesso positive e felici. Il fatto che finiscano, non implica che non abbiano valore. Il valore di una relazione non dovrebbe essere misurato dalla sua durata, ma dalla sua qualità, dall’intensità, dalla felicità che reca ai partner, e - si spera - dall’incoraggiare i partner a diventare persone migliori.
  • La monogamia va benissimo, a condizione che sia una libera scelta e finché funziona per entrambi i partner. Ma non di rado, e specialmente col tempo, uno o entrambi i partner si ritrovano limitati e costretti da essa. A volte sorgono bisogni che il partner non vuole (o non può) soddisfare; a volte le persone scoprono in sé un’inclinazione naturale ad intessere relazioni molteplici; a volte ci si ritrova ad amare più persone. In questi ed altri casi, l’esclusività si trasforma da dono a prigione. E’ quindi importante non escludere la possibilità di aprirsi, nel corso del tempo, a modalità relazionali diverse (vedi ad esempio la visione poliamorosa - in inglese Polyamory - e un libro sull'argomento), che possono diventare più funzionali e appaganti per la relazione; una possibilità che l’ideale dell’UR nega a priori.

L’Utopia Romantica è un istinto naturale?

Una possibile obiezione alla mia critica, è che le persone tendono naturalmente verso l’Utopia Romantica: in parte è vero, perché gli esseri umani ambiscono istintivamente all’assoluto, al massimo, specialmente nelle questioni emozionali (chi desidera un amico scadente o un amore blando?). In parte, però, questa tendenza è alimentata dalla cultura "romantica" in cui viviamo, dove l’UR è fortemente e continuamente propagandata, attraverso tutti i media (mentre modalità relazionali alternative, come le amicizie amorose o le relazioni aperte, vengono solitamente disprezzate o viste con sospetto). E questo accade non perché la nostra cultura sia particolarmente sentimentale, ma perché le relazioni stabili e la monogamia sono utili alla società stessa: e la società, come tutte le istituzioni, ha più a cuore il proprio sviluppo che la felicità dei suoi membri.

L’UR è utile alla società (perché la coppia stabile contribuisce alla stabilità sociale, e perché le persone che reprimono la loro libido sono più controllabili), e per la crescita dei figli (che, ovviamente, traggono giovamento da un’unione stabile). Non è utile, invece, alle coppie stesse, poiché le infonde di idealizzazioni, illusioni e pretese reciproche; spingendole a basare la loro relazioni su basi irreali, in molti casi ne favorisce il fallimento (come esposto sopra).
Quindi, non crediate che il modello relazionale standard (rigido ed esclusivo) e l’UR siano pensati per rendervi felici: essi sono nati in primo luogo per rendervi "sudditi" (ovvero, componenti efficienti della collettività). La felicità individuale si raggiunge solo attraverso scelte personali, non tramite direttive rigide emanate dall’alto. Peraltro, come potrebbe rendervi felici puntare ad un obiettivo che non si può raggiungere? E’ una "corsa del topo", e infatti quelli che inseguono ossessivamente l’UR sono sempre frustrati o soli (o affliggono i loro partner con pretese continue).

Certo, le coppie realmente felici esistono (benché rare), ma non sono "utopiche", sono anzi realistiche: sanno accettare le imperfezioni del partner e della relazione (come nel caso del "Paradiso Relazionale" che ho citato all'inizio).

Aspettando Godot

Vivere in attesa della "persona giusta", ideale, o della relazione perfetta che non ci deluderà mai, rischia di metterci nella situazione di "aspettare Godot". Ovvero, come accade nel testo teatrale di Samuel Beckett "Aspettando Godot", attendere indefinitamente ed invano qualcosa che potrebbe anche non arrivare - e che, sovente, non arriva davvero mai. Una vita in eterna attesa, invece che vissuta.
Ma che razza di vita è questa? Sembra una vita da zombie: una vita-poco-viva, una non-morte molto prima della morte fisica (almeno dal punto di vista affettivo / sentimentale). Eppure, è proprio quello che rischia chi aderisce obbediente al dettame dell’UR, per cui solo una relazione perfetta è degna di essere vissuta, e quelle imperfette (quindi umane, relative e reali) sono da scartare senza ombra di dubbio.

In buona sostanza, l’Utopia Romantica è - per molti versi - simile alla pornografia: è eccitante e seducente, rappresenta qualcosa che a molti piacerebbe vivere, ma è altamente irreale. Come la pornografia, può essere godibile e funzionale se confinata a momenti ricreativi e di evasione, ma non andrebbe presa come riferimento per la vita vera.
L’UR, come tutte le utopie, non è qualcosa che si raggiunge, ma serve ad indicare una direzione, a rammentarci un obiettivo elevato. I sogni sono una cosa bellissima, ma confondere sogno e realtà è solitamente fuorviante e pericoloso.

"L'amore è eterno finché dura."
(Henri de Régnier)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

Nessun commento :

Posta un commento

(vedi le linee guida per i commenti)



Licenza Creative Commons
© 2017 Valter Viglietti. Psicofelicità è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.