Aspettative errate sulle relazioni -
Controllare il partner

Questa serie sulle aspettative nelle relazioni è divisa in otto post: una introduzione (con spiegazioni più ampie e dettagliate di quelle riportate qui) e sette aree tematiche (vedi indice con link alla fine).

Il pericolo delle aspettative

Specialmente nel corteggiamento e nelle relazioni, certe aspettative possono rovinare le opportunità e incrinare rapporti altrimenti validi. Se per esempio mi aspetto che il mio compagno non sbagli mai, o che la mia partner mi renda sempre felice, mi ritroverò sicuramente deluso e risentito; ma l'errore risiede nelle mie aspettative irreali, non nell'umana imperfezione dell'altro!
E' quindi essenziale diventare consapevoli delle nostre aspettative, e renderci conto di quanto queste siano realistiche oppure utopiche. Perché se mi aspetto la perfezione, passerò tutta la vita a cercarla senza successo.

“Se mi aspetto la perfezione,
passerò tutta la vita
a cercarla senza successo”

Aspettative di donne e uomini

Indico il genere dell'aspettativa con i codici [F] (femminile) ed [M] (maschile).


Aspettative sul voler controllare il partner (nelle coppie)


[F/M] Dovrei sempre sapere tutto di lui/lei, di cosa pensa e fa

Certe persone sentono il bisogno di controllare il comportamento del partner, con frequenti chiamate, messaggi, o indagando sulle sue attività nella giornata. Se il partner non si fa vivo per un certo tempo, cadono nell'ansia o in preda a paure immotivate.

Chiaramente si tratta di persone insicure che hanno un bisogno continuo di rassicurazione, e/o di controllare il partner per paura che questo si interessi ad altri. Se messi di fronte all'ossessività del loro comportamento, in genere si giustificano dicendo che lo fanno per amore; ma, ovviamente, l'amore si fida; è la paura che ci fa vedere pericoli ovunque.

[F/M] Il mio partner non dovrebbe avere amici del sesso opposto

Alcune persone ritengono che, da quando sono insieme, il partner non dovrebbe più frequentare amicizie di sesso opposto, che vengono viste come minacce all'integrità della coppia.

Questo è un atteggiamento controllante tipico delle persone insicure o immature: poiché temono la "concorrenza" e sono incapaci di fidarsi, pretendono (apertamente o in modo più sottile e manipolativo) che il partner smetta di frequentare amici dell'altro sesso (perché temono che potrebbero "rubare" il partner o farci sesso).
Se accusati di non fidarsi, costoro spesso si difendono dicendo "Mi fido di te, ma non mi fido degli altri": il che è privo di senso, perché se mi fido del mio partner, allora gli altri non potranno rappresentare una minaccia (non cadrebbe comunque un tentazione). Il problema vero è che la persona insicura è incapace di fidarsi, perché non si fida di se stesso (della sua qualità, della sua capacità di meritare la relazione).

[F] Lui non dovrebbe masturbarsi

Molte donne vivono la masturbazione del partner come un affronto personale: si sentono sminuite, inadeguate e non desiderate. Di conseguenza si aspettano che lui abbandoni ogni interesse per la masturbazione da quando sono insieme.

Quello di cui queste donne non si rendono conto, è che la masturbazione non è in concorrenza con l'attività sessuale di coppia, ma ne è un completamento. Per il 99% degli uomini (ma anche per molte donne), la masturbazione è una pulsione naturale e benefica, che soddisfa un bisogno diverso dal sesso vissuto insieme.
Se invece la masturbazione viene preferita ai rapporti con la partner, allora è segno di squilibri nella relazione, e probabilmente di insoddisfazione non espressa.

[F] A lui non dovrebbe interessare la pornografia

Similmente al punto precedente, la maggior parte delle donne non comprende l'interesse maschile per la pornografia, e la vede come una minaccia. Ma questo interesse viene abbastanza naturale (visto che il porno è creato apposta per eccitare gli uomini) e, se non diventa una dipendenza, non va temuto, ma va visto semplicemente come uno svago.

Pensiamo all'entusiasmo maschile per il calcio, o all'ossessione femminile per scarpe e borse: queste passioni risultano per lo più incomprensibili al sesso opposto ma, finché queste non creano problemi concreti, non vi diamo peso. La pornografia può essere vista allo stesso modo: un passatempo di per sé innocuo che non danneggia la relazione (almeno finché non diventa fuori controllo, o finché non prende il sopravvento sui rapporti con la compagna).


Possiamo cascarci tutti

E' facile sottovalutare il potere delle aspettative, oppure pensare che "Io non potrei mai credere a cose assurde"; ma invece possiamo cascarci tutti (perché ci hanno sempre detto così, o perché ci piacerebbe tanto crederci). Per esempio, immaginiamo un uomo che creda "Ogni donna che mi sorride mi desidera", oppure una donna che creda "Un uomo che esce con me deve trattarmi come una principessa, e soddisfare ogni mio capriccio": possiamo facilmente immaginare quanto sarà problematica la loro vita relazionale.

Desiderare senza pretendere

Le aspettative diventano particolarmente problematiche quando pretendiamo che vengano soddisfatte; quando crediamo che siano un diritto, o qualcosa che ci è dovuto - invece che, semplicemente, una nostra preferenza. Certo ognuno ha diritto a desiderare quello che più gli piace - ma l'altro non è obbligato a soddisfarci.
Ognuno cerca la propria soddisfazione, e desideriamo qualcuno proprio in base alla soddisfazione che egli ci dà (o che noi speriamo ci dia). Quindi è saggio:
  • Mantenere delle aspettative realistiche.
  • Imparare a chiedere quello che desideriamo (invece di presumere che sia evidente, o di aspettarci che gli altri ci leggano nella mente).
  • Non pretendere quello che gli altri non vogliono - o non possono - darci.

“Teniamo conto che gli altri
non esistono per renderci felici”


Aspettative errate sulle relazioni - Indice


"La grande domanda a cui non ho mai saputo rispondere, nonostante i miei 30 anni di ricerche sull'animo femminile, è 'Cosa vuole una donna'?"
(Sigmund Freud)

"L'infelicità è il divario tra le nostre capacità e le nostre aspettative."
(Edward de Bono)

"Gli infelici credono facilmente in quello che desiderano molto."
(Seneca)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

Nessun commento :

Posta un commento

(vedi le linee guida per i commenti)



Licenza Creative Commons
© 2017 Valter Viglietti. Psicofelicità è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.