Si può rimanere amici fra ex partner?

Nonostante l'amore e le migliori intenzioni, una gran parte delle relazioni sentimentali prima o poi finisce. A volte per errori dell'uno o dell'altra, a volte per scarsa compatibilità, a volte semplicemente perché le strade di ciascuno a un certo punto divergono.
Comunque vada, è un peccato che due persone che hanno condiviso tante esperienze ed emozioni (e che spesso provano ancora affetto reciproco), spariscano l'uno dalla vita dell'altra. Molti credono che due ex partner non possano rimanere amici, ma io la penso diversamente: non solo sono rimasto in buona amicizia con diverse mie ex, ma l'ho anche visto accadere a numerose persone.

Certo non è facile, e non sempre è possibile - e a volte non ha nemmeno senso: se dopo la rottura rimangono solo emozioni negative, è meglio tagliare del tutto i ponti. Se però esistono ancora elementi positivi fra le due persone, può valere la pena di andarsi incontro e fare qualche sforzo per costruire un rapporto umano di tipo diverso.

Non è facile, non è per tutti

Anche se - in linea teorica - essere amici fra ex è possibile, non è però mai facile: le ferite del distacco, eventuali risentimenti e incomprensioni, e magari una certa gelosia, richiedono tempo e abilità per essere superati. Per costruire una buona amicizia tra ex sono necessarie diverse condizioni, che elenco di seguito.

Deve passare del tempo

Come detto più volte nel post "Come chiudere una relazione", non si può essere amici subito dopo la separazione: deve passare del tempo, affinché la ferita dell'abbandono si rimargini. Quando chi è stato lasciato si è ripreso, allora è - forse - possibile essere amici.

Voler stare vicino come amico a qualcuno che stiamo lasciando, viene troppo facilmente interpretato come una forma d'amore (e per certi versi può esserlo), generando confusione e incoraggiando l'attaccamento.

L'amicizia era già presente

Durante la relazione amorosa, dev'essere già stata presente una forma di amicizia - che molte coppie invece non sviluppano. Quando si è legati principalmente dalla passione, dal desiderio, o dal bisogno, spesso non si è interessati a coltivare l'aspetto dell'amicizia nel rapporto. Se non si era amici prima, quando ci si amava e si era intimi, difficilmente si può esserlo dopo.

La rottura non è stata troppo conflittuale

Se la separazione è stata molto litigiosa, con forti scontri, interminabili discussioni e un accusarsi a vicenda, sarà difficile recuperare un buon rapporto. Per essere amici (sia prima che dopo), è necessario saper comunicare efficacemente e sapersi assumere le proprie responsabilità: se invece i partner comunicavano male, non si capivano, e per ogni problema tendevano a dare la colpa all'altro, la separazione sarà tempestosa e probabilmente lascerà dietro di sé lacerazioni e rancore troppo profondi per essere sanati.

La rottura non è stata causata da un grave torto

Un problema simile esiste quando uno dei due ritiene di avere ricevuto un grave torto dall'altro (tradimenti della fiducia, inganni, maltrattamenti...). In questi casi di solito rimane un risentimento profondo, che difficilmente si riesce a superare; a meno che i due affrontino un processo di chiarimento e ammenda, in cui la parte in torto riconosce le sue colpe ed offre un pentimento sincero, e la parte offesa ha la capacità di perdonare.

Entrambi hanno intelligenza e maturità

Entrambe le persone devono avere intelligenza e maturità emotiva sufficienti da saper gestire le emozioni intense (risentimento, rimpianti, desiderio, gelosie...) che possono emergere fra due ex.

Bisogna tenerci davvero

Entrambi devono essere davvero interessati all'amicizia e all'altra persona: se si cerca la compagnia dell'altro solo perché ci si sente soli, per nostalgia, per mancanza di sesso, o per cercare di sedurlo, non funzionerà.

Il sesso può esserci, ma complica le cose

Infine, provare desiderio sessuale per un ex può accadere; anzi è abbastanza normale, visto quello che si è condiviso. Inoltre, amicizia e sesso non sono incompatibili come molti pensano.
Bisogna però tenere presente che la sessualità aggiunge complessità a qualsiasi relazione. Se la situazione è delicata o instabile, o se uno dei due è ancora abbastanza fragile, condividere la sessualità può creare disastri emotivi: meglio quindi evitarlo, almeno fino a che entrambi hanno ritrovato un buon equilibrio.

Desiderare un amico

I problemi di desiderio sessuale fra amici nascono specialmente se la comunicazione è poco chiara (se ti desidero ma non te lo dico, tu avvertirai qualcosa di nascosto e farai fatica a fidarti), o se si fa pressioni sull'altro (se qualcuno non mi desidera, insistere è inutile e deleterio). Se c'è comunicazione onesta e rispetto reciproco, è possibile essere amici anche se uno dei due è attratto e l'altro no.


Se il nuovo partner è geloso

E' possibile che il nuovo partner di uno dei due sia geloso dell'ex. Da una parte è normale avere una certa diffidenza e sospetto verso un ex con cui ci sia ancora un legame, ma dall'altra esserne troppo gelosi e ansiosi non è un buon segno: una coppia "sana" non è mai troppo chiusa al mondo esterno, e non è accettabile che un partner decida sulla vita relazionale dell'altro come se fosse una sua proprietà.

Se l'amicizia tra ex è "pulita" e senza secondi fini, rassicurate il vostro nuovo partner e, se il caso, fategli conoscere il vostro ex (si ha sempre più paura di ciò che non si conosce). Se però il nuovo partner è troppo ansioso ed ostacola l'amicizia, o minaccia di sabotare la relazione, dovrete scegliere tra la coppia o l'amicizia: tenete però presente che un partner manipolatorio, e una mancanza di fiducia, promettono un futuro poco roseo per quella coppia.

Alcuni riescono a rimanere amici, altri no

Alcune persone non sono capaci di rimanere amici con gli ex, e questo è del tutto normale: in fondo siamo tutti diversi. La loro incapacità però li porta a credere che l'amicizia tra ex non sia mai possibile, ma questo è un errore: i limiti di uno non sono i limiti di tutti. Chi nega a priori la possibilità di amicizia tra ex, in genere, sono proprio quelli che non ne sono capaci, o a cui non ha mai interessato.

Chi nega l'amicizia fra ex, crede nell'amore "assoluto"

Un'altra categoria di persone che nega questa possibilità, è quella di chi considera le relazioni sentimentali in modi "assoluti", in "bianco e nero":
  • si ama qualcuno completamente o non lo si ama per nulla;
  • l'amore e l'affetto devono essere dedicati interamente al partner, e a nessun altro;
  • si può amare - e desiderare - solo una persona per volta, ecc.
Nella realtà, le relazioni umane non sono mai assolute ma sempre relative (presentano sempre limiti e mancanze, sfumature e ambiguità). Per cui: l'amore che proviamo può esprimersi in una serie di gradazioni; è del tutto normale voler bene a più persone; è comune provare ancora affetto, desiderio o gelosia per un ex (o per un amico). E tutto questo non significa che non amiamo il nostro attuale partner, ma solo che lo amiamo in modo "umano" (invece che in modo idealizzato da canzonetta o romanzo rosa).

Quelli che vedono i sentimenti in modo assoluto, spesso confondono l'amore con la passione o il bisogno: sono forse persone dominate dalle emozioni, che tendono a vedere le cose in modo binario. Quello che loro conoscono è probabilmente solo ardore o dipendenza, e questi ultimi in effetti possono essere vissuti in modo assoluto. Ma l'amore reale e maturo è cosa ben diversa.


Alcuni dei punti sopra esposti vengono espressi anche da questo articolo di Riza.it: "Rimaniamo amici": illusione o realtà?.

"L'amicizia è l'unione di due persone legate da un amore e un rispetto uguali e reciproci."
(Emmanuel Kant)

"Un buon matrimonio, ammesso che ve ne siano, si pone come obiettivo l'amicizia."
(Michel De Montaigne)

"L'amicizia fra un uomo e una donna è sempre un poco erotica, anche se inconsciamente."
(Jorge Luis Borges)


Articoli correlati

Altri post con argomenti collegati (descrizione: fermate il puntatore sul link)

Nessun commento :

Posta un commento

(vedi le linee guida per i commenti)



Licenza Creative Commons
© 2017 Valter Viglietti. Psicofelicità è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.